Il nuovo ministro Kamenický: voglio mantenere un bilancio pubblico sano

In una conferenza stampa tenuta dopo la sua nomina il 7 maggio, il neo ministro delle Finanze Ladislav Kamenický (Smer-SD) ha affermato che si adopererà per garantire che la Slovacchia continui a beneficiare di finanze pubbliche sane, con bilanci pubblici in equilibrio sia del 2019 che del 2020, una tendenza che intende rispettare e mantenere. Ha espresso l’intenzione di rivalutare su base mensile il bilancio dello Stato di quest’anno, che sarà principalmente influenzato, ha detto, dal pacchetto di misure sociali in preparazione in seno ai partiti della coalizione di governo.

Kamenický ha inoltre confermato l’intenzione di proseguire con il progetto Value for Money e il test dei limiti di spesa per la valutazione dei contratti di approvvigionamento della pubblica amministrazione, un processo che, ha anticipato, dovrebbe durare due-tre anni.

Kamenický, che ha elencato tra le sue priorità anche la lotta all’evasione fiscale, ha detto che avrebbe incontrato a breve la presidente dell’Amministrazione finanziaria (FS, il fisco slovacco) Lenka Wittenbergerová, cui avrebbe avanzato le sue aspettative. L’incontro è avvenuto venerdì 10 maggio, e i due hanno discusso degli argomenti e misure più recenti che l’Amministrazione finanziaria sta preparando. Dopo la riunione il ministro ha confermato che non avrebbe apportato alcuna modifica alla direzione dell’Amministrazione finanziaria, nonostante Wittenbergerová sia entrata in carica il 1° ottobre scorso per un periodo di sei mesi a fronte delle dimissioni improvvise di František Imrecze, travolto dallo scandalo delle dogane.

Il nuovo ministro delle Finanze ha ricevuto la benedizione anche dal maggior partito di opposizione. Il leader di Libertà e Solidarietà (SaS) Richard Sulik ha ammesso di non poter dire nulla di male su Kamenický, che è persona onesta e con ottime basi in finanza pubblica: «lo vedo come una persona giusta e colta». Sulik tuttavia non crede che il nuovo ministro porterà veri cambiamenti a dieci mesi dalle elezioni parlamentari del marzo 2020, e che probabilmente non sarà in grado di contrastare le pressioni stravaganti che presumibilmente saranno esercitate su di lui da parte di vari personaggi della coalizione. Martedì i rappresentanti di SaS hanno dichiarato che la coalizione sta per commettere un tradimento economico, poiché le sue misure fiscali “sociali” (che saranno presentate a giugno) metteranno in pericolo le finanze pubbliche.

Nel frattempo, il 10 maggio è stato eletto Robert Puci (Smer-SD) come nuovo capo della commissione parlamentare Finanza e bilancio, a sostituzione di Ladislav Kamenický, con ventiquattro voti a favore, otto contrari e quattro astenuti in una seduta a scrutinio segreto.

(La Redazione)

Foto FB

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.