Primo ministro Pellegrini: è priorità del governo facilitare le imprese

Secondo quanto affermato venerdì dal primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD) a un congresso dell’Unione repubblicana dei datori di lavoro (RUZ), tra le priorità del corrente governo c’è la semplificazione dell’attività di impresa. Se la Slovacchia vuole gestire bene il processo inevitabile di automazione di molte professioni e passare dall’essere un paese di montatori a un luogo di produzione con più elevato valore aggiunto, ha poi sottolineato il premier, dovrà investire di più nell’istruzione.

L’economia nazionale sta vivendo un periodo positivo, e ha registrato i massimi storici di occupazione a tempo pieno dalla crisi del 2009, con risultati importanti nella diminuzione della disoccupazione, ha osservato Pellegrini, ricordando che il governo ha approvato recentemente 21 misure «che sosterranno non solo l’industria automobilistica ma anche l’intero contesto imprenditoriale, per il quale sono stati adottati in precedenza tre diversi pacchetti legislativi».

Pellegrini ha detto che capisce che le imprese non gradiscano l’adozione di misure legislative nel corso dell’anno, e ha affermato di voler cambiare dal prossimo gennaio il modo in cui si preparano gli atti legislativi, «in modo da dare il tempo alle aziende di prepararsi per tempo».

Parlando del salario minimo, il premier ha detto che l’aumento della retribuzione minima di legge, oggi deciso anno per anno, potrebbe iniziare ad essere automatizzato, confermando nel frattempo l’obiettivo di portarlo «gradualmente al 60% dello stipendio medio nell’economia nazionale».

I rappresentanti di RUZ hanno lamentato il fatto che le ultime norme entrate in vigore stanno causando problemi agli imprenditori in Slovacchia. Tra le misure criticate vi sono gli aumenti degli straordinari e del lavoro festivo e notturno, i voucher ricreativi, le nuove norme su 13esima e 14esima mensilità e il limite all’età pensionabile. Ma è stato anche richiamato l’aumento costante del salario minimo e la mancanza di manodopera, tutte questioni che rendono sempre più complicata la vita degli imprenditori e peggiorano l’ambiente imprenditoriale e la libertà economica nel paese. Per di più, le imprese vengono a conoscenza dei nuovi pacchetti di misure legislative in preparazione dai giornali, senza la possibilità di avere un confronto con il governo.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.