Un’altra accusa di evasione per Bašternák. Ma ci sarebbe ben altro da scoprire

L’imprenditore Ladislav Bašternák, condannato a cinque anni per frode fiscale (2 milioni di euro), pena che sta scontando da alcune settimane in un carcere di minima sicurezza, è stato accusato la scorsa settimana anche di un’altra serie di reati di evasione fiscale, fatti di cui si è saputo soltanto lunedì 15 aprile quando la polizia slovacca ne ha dato notizia. Bašternák nella sua dichiarazione dei redditi del 2013 avrebbe omesso di includere una transazione immobiliare tassabile nel complesso immobiliare di lusso Five Star Residence, evadento imposta sul valore aggiunto per un valore di 200.000 euro.

Poco prima di finire in galera, Bašternák aveva trasferito le sue proprietà alla moglie, e l’azione di pignoramento allo Stato dei suoi beni imposta dal giudice ha potuto recuperare soltanto poca cosa. L’unica proprietà di un certo valore che gli è stata pignorata è l’appartamento del complesso Bonaparte in cui vive l’ex premier Robert Fico, un fatto non casuale secondo l’opposizione, che accusa l’ex primo ministro di esserne in realtà lui il proprietario occulto. Tra gli immobili passati alla moglie di Bašternák vi sono una palazzina nel centro sciistico Donovaly (regione Banská Bystrica), una casa sulla collina Slavín a Bratislava, locali non residenziali nel complesso Bonaparte, appartamenti nel Five Star Residence e in via Tupého a Bratislava. Trasferimenti che il ministro della Giustizia Gábor Gál (Most-Hid) si dice certo che  possano essere contestati in tribunale.

Ma secondo il deputato Jozef Rajtar di Libertà e Solidarietà (SaS) c’è ben altro ancora da scoprire, e si potrebbe arrivare a frodi ed evasione per 20 milioni di euro. «Ho individuato frodi negli appartamenti del complesso Five Star Residence, commesse da Marián Kočner e Ladislav Bašternák, in una serie di denunce penali», ha affermato Rajtar, suggerendo che anche la moglie di Bašternák sarebbe coinvolta e che dunque indagini di polizia potrebbero riportare le proprietà trasferite nella disponibilità dello Stato. Rajtar dice che l’accusa in corso per l’uomo d’affari riguarda soltanto l’IVA, ma lascia intendere che molto di più è stato evaso in imposta sul reddito.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.