Nuovo sistema di parcheggio a Bratislava, 49 euro l’anno per la prima auto

Il sindaco Matúš Vallo ha presentato oggi la nuova politica dei parcheggi nel comune di Bratislava, che dovrebbe essere introdotta in modo graduale a partire dalla seconda metà del 2020. Si tratta di una proposta, che potrà essere modificata. I residenti della capitale che non hanno un proprio garage o posto auto saranno chiamati a pagare una tariffa annua di 49 euro per la prima automobile, che permetterà loro il parcheggio illimitato nell’area di residenza. Il permesso per una seconda auto costerà 150 euro. La “carta di parcheggio” include 100 ore di parcheggio gratuito per i loro visitatori, famigliari e amici, e due ore di parcheggio gratuito giornaliero per il proprio mezzo al di fuori della zona di residenza. Vallo rifiuta le critiche di chi dice che si tratta di una nuova tassa sulle auto, e afferma che la questione riguarderà solo quelle zone e gli orari in cui sono dimostrati reali problemi di parcheggio. Ad esempio, a Petrzalka nel corso della notte. Il costo per ulteriori automobili oltre la seconda è di 500 euro.

Saranno i consigli di quartiere di Bratislava a proporre la definizione delle zone di parcheggio. Le tariffe saranno applicate nella Città Vecchia tra le 8:00 e le 20:00, mentre nei quartieri in cui il parcheggio è più problematico nelle ore serali o notturne sarà modulato il sistema tariffario in base a queste esigenze. Dovrebbero essere fissate quattro zone a pagamento con tariffe orarie che andranno dai 2 euro all’ora nel centro città ai 50 centesimi in periferia.

Secondo il primo cittadino, la capitale slovacca è una delle ultime grandi città europee che non ha ancora una politica di parcheggi, mentre il numero di auto presenti in città è in costante crescita. Non potendo nè ingrossare le strade né aumentare il numero di posti auto, è ovvio che il numero di automezzi che circolano nel tessuto urbano deve essere regolato, ha detto Vallo. In particolare, si vuole ridurre il numero di vetture che da fuori arrivano a Bratislava ogni giorno, che ingolfano il traffico in entrata e uscita dalla città nelle ore di punta e non solo. Allo stesso tempo, l’obiettivo è migliorare la qualità della vita degli abitanti e ridurre le emissioni: quanto all’anidride carbonica (CO2), la città si è impegnata a limitare le emissioni del 20% entro il 2020.

Il sindaco prevede di unificare la politica di parcheggio residenziale in modo che nessuna società privata ne possa beneficiare: il denaro ricavato dalle “carte di parcheggio” verrà utilizzato per la costruzione di nuove infrastrutturadi parcheggio e trasporto a Bratislava. Già nel bilancio cittadino di quest’anno è stato dedicato mezzo milione di euro per attuare il nuovo sistema dei parcheggi, 900 mila euro sono spese in conto capitale destinate al sistema di parcheggio a pagamento – gestione informatica dei parcheggi, l’acquisto di spazi per parcheggi – e 1,8 milioni per la costruzione di parcheggi in città e la creazione di parcheggi scambiatori alle porte della capitale dove lasciare l’auto per proseguire con i mezzi pubblici.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.