Rubrica legale: Principali cambiamenti nel diritto del lavoro slovacco

L’anno 2018 è stato fondamentale per molti cambiamenti nel diritto del lavoro slovacco che concerne varie normative nell’ambiente lavorativo. In base a quanto indicato sopra è stata introdotta un’ampia modifica del Codice del lavoro tra l’altro allegata alla ricreazione dei dipendenti. Anche altre leggi concernenti i rapporti lavorativi sono state cambiate, con la presente vogliamo evidenziare la Legge n. 5/2004 G.U. sui servizi di occupazione in cui nuovi obblighi trattano in particolare della comunicazione dei posti vacanti presso l’Ufficio del lavoro, degli Affari Sociali e della Famiglia, nonché la pubblicazione obbligatoria della componente di base del salario nelle offerte di lavoro. I cambiamenti riguardano anche la Legge n. 355/2007 G.U. sulla protezione, supporto e sviluppo della Sanità pubblica tramite la quale è stato introdotto l’obbligo del datore di lavoro di notificare i dati dei lavoratori svolgenti il lavoro nella seconda categoria dell’occupazione.

1. La ricreazione dei dipendenti e i buoni ricreativi

Con l’efficacia della modifica del Codice di Lavoro dal 1.1.2019 il datore di lavoro è obbligato a rimborsare una parte delle spese utilizzati per la ricreazione al lavoratore nel rapporto lavorativo in base al contratto di lavoro. Per avvio di tale obbligo vigono le condizioni che devono essere cumulativamente soddisfatte affinché il lavoratore possa beneficiare del contributo dal suo datore di lavoro. La prima condizione è che il datore di lavoro impieghi più di 49 lavoratori, il numero dei lavoratori è un medio evidenziata nell’anno precedente. La seconda condizione è che il rapporto lavorativo duri alla data della ricreazione almeno 24 mesi consecutivi e il lavoratore deve dimostrate le spese entro 30 giorni di calendario dal giorno della terminazione della ricreazione. Per completezza teniamo a specificare che il lavoratore deve richiedere personalmente il contributo e può sporgere richiesta presso un solo datore di lavoro qualora abbia in parallelo più rapporti di lavoro.

Cos’è un buono ricreativo e cosa fornisce al lavoratore?

Nella modifica di Legge sul supporto del turismo è inserito il buono ricreativo come strumento di finanziamento per lo sviluppo del turismo. Il buono ricreativo si usa per il pagamento di spese autorizzate, può essere utilizzato solo dalla persona autorizzata e solo sul territorio della Repubblica Slovacca.

Per completezza aggiungiamo che ai sensi della legge, si considerano come spese autorizzate i servizi del turismo collegate con alloggio per almeno due notti sul territorio della Repubblica Slovacca come anche le spese relativa al costo dei pasti. Le spese autorizzate includono anche le spese delle persone che sono presenti alla ricreazione con il lavoratore, quali coniuge, figli, figlio addottivi e altri. Infine, è importante specificare che il lavoratore può beneficiare di varie ricreazioni, il datore di lavoro gli contribuirà il 55% delle spese autorizzate ma non più di euro 275 annualmente.

2. L’obbligo del datore di lavoro pubblicare i posti vacanti

L’obbligo di pubblicare il posto di lavoro vacante è disposto nella Legge n.5/2004 G.U. sui servizi dell’occupazione. Scopo principale è l’identificazione più semplice delle occupazioni con scarsità di manodopera. L’informazione viene comunicata all’Ufficio del lavoro, degli Affari Sociali e della Famiglia competente in cui il posto vacante è situato. Il datore di lavoro pubblica presso l’ufficio competente la caratteristica, il tipo di lavoro e il numero dei posti vacanti. L’inadempimento di questo obbligo può essere sanzionato con una multa fino a 300 euro.

3. L’obbligo del datore di lavoro di notificare i dati dei lavoratori appartenenti alla seconda categoria del lavoro di rischio

La modifica della Legge n. 355/2007 G.U. sulla protezione, sul supporto e sullo sviluppo della Sanita pubblica introduce l’obbligo del datore di lavoro notificare entro il 15. Gennaio al competente organo della Sanita pubblica i dati relativi ai lavoratori che svolgono il lavoro appartenente alla seconda categoria del lavoro. I lavori sono inclusi nelle categorie secondo il livello, carattere dei fattori lavorativi e l’ambiente lavorativo in quanto questi fattori possono avere effetti avversi sulla salute dei lavoratori. Questa categoria include i lavori i quali non sono rischiosi in rapporto ad eventuali danni alla salute ossia il rischio di salute è solo minimo. Il competente l’organo della Sanita pubblica ha la facoltà di imporre sanzioni fino a 20 000 euro per la violazione di tale l’obbligo.

4. Pubblicazione della componente di base del salario

L’ulteriore modifica della Legge n. 5/2004 G.U. sui servizi dell’occupazione introduce l’obbligo per datori del lavoro di pubblicare la componente di base del salario nelle offerte di lavoro. Per componente di base del salario si intende il salario lordo senza ulteriori componenti aggiuntivi quali benefit o premi personali. In riferimento alla modifica della Legge sui servizi dell’occupazione reagisce anche il Codice del Lavoro per cui dal 1.5.2018 ogni datore di lavoro deve pubblicare nell’offerta del lavoro anche la componente di base del salario e non potrà stipulare il contratto del lavoro con persone in cerca di lavoro con una somma inferiore a quella indicata nell’offerta del lavoro.

Simona Krutáková


SMA advokátska kancelária s.r.o.

Vedi gli altri articoli della serie “legale”

 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.