Il divario salariale di genere in Slovacchia rimane elevato

Istruzione, lavoro, salari, assistenza alla famiglia, creazione di un’attività indipendente e impegno nella vita pubblica. Questi sono i settori in cui la posizione delle donne in Slovacchia è peggiore rispetto ad altri paesi europei.

L’indice sull’uguaglianza di genere, pubblicato dall’Istituto europeo per l’uguaglianza di genere (EIGE), conferma la persistenza, o addirittura l’approfondimento, del divario tra uomini e donne nella società slovacca. Il paese raggiunge un punteggio di 52,4 su 100 punti, rispetto a una media dell’Unione europea di 66,2 punti e occupa la 26esima posizione, sette in mano del precedente rapporto, un caso unico tra i membri dell’UE.

Secondo i dati di Slovenská Sporiteľňa, le retribuzioni delle donne sono inferiori del 21% rispetto agli uomini e questa percentuale è superiore alla media dell’UE (16%). Ci sono diversi fattori che influenzano il divario salariale tra donne e uomini. In primo luogo, la questione della maternità: durante la loro vita le donne lavorano un terzo in meno rispetto agli uomini, e questo porta ad una progressione più lenta della loro carriera professionale. Molte donne non possono tornare al proprio lavoro precedente dopo il congedo di maternità. In generale, le donne hanno difficoltà a negoziare la loro remunerazione con il datore di lavoro, ad avere successo professionale nei settori tecnico e informatico, dominate dagli uomini, e a raggiungere posizioni di leadership. Di fatto, solo un’azienda su 10 ha un direttore esecutivo o un manager di alto livello donna. Nonostante alcuni piccoli progressi, nel 2017 in Slovacchia solo il 6,5% dei manager erano donne (7,1% nell’UE).

In Europa, Regno Unito, Paesi Bassi e Danimarca ci sono più dipendenti di sesso femminile perché le regole del mercato del lavoro sono più flessibili e consentono alle donne di conciliare lavoro e impegni familiari.

Una ricerca condotta da PricewaterhouseCoopers Slovakia (PwC) su una rete mondiale di aziende con più di 236.000 dipendenti in 158 paesi ha dimostrato che il divario salariale è più pronunciato nelle posizioni manageriali, in tutti i settori. Nei trasporti, nella logistica e nei servizi postali, le donne con un’istruzione universitaria guadagnano la metà degli stipendi degli uomini. Il divario si riduce nella pubblica amministrazione e nel sistema scolastico, solo perché in queste aree gli uomini sono in percentuale molto bassa. Vale la pena notare che in Slovacchia, come nell’Unione europea in generale, il livello di istruzione delle donne è superiore a quello degli uomini.

Consapevole dell’importanza della questione, la Commissione europea ha elaborato un piano d’azione per il 2018 e 2019 che prevede un maggiore rispetto del principio della parità di retribuzione, modificando la direttiva 2006/54 / CE del Parlamento e del Consiglio europeo, riguardante l’applicazione del principio delle pari opportunità e della parità di trattamento tra uomini e donne in materia di occupazione e impiego. Il principio guida è semplice e chiaro: la parità di retribuzione per lo stesso lavoro deve essere un diritto umano fondamentale e non un problema.

(Fonte Buenos días Eslovaquia)

Foto Pxhere CC0
artisandhu cc by nc nd

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.