Tagli alle tasse, la coalizione rinvia la discussione al mese di maggio

Nella riunione di martedì, i soci della coalizione di governo hanno deciso di rimandare le discussioni sulle proposte di modifiche economiche e sociali, inclusa una possibile riduzione delle tasse, alla sessione parlamentare di maggio. In quella occasione, sarà il Parlamento a decidere quale delle tre proposte andrà avanti – se quella del Partito nazionale slovacco (SNS) che ha spinto per primo in questo senso, o quelle dei gruppi parlamentari di Smer-SD o di Most-Hid. Tra le questioni in agenda ci saranno una proposta per ridurre la tassa sulle società, l’introduzione del 10% di IVA sui prodotti alimentari, la cancellazione del canone radiotelevisivo, un progetto per l’eliminazione della tassa per la modifica dei cognomi dopo il matrimonio, un aumento delle esenzioni per il calcolo della base imponibile per le imposte, e la diminuzione di 4 punti del prelievo per il fondo di solidarietà per datori di lavoro, lavoratori autonomi e assicurati volontari.

All’inizio del mese il Partito nazionale (SNS) era uscito con l’idea di un taglio consistente delle tasse per le imprese – dal 21% al 15% – dall’anno prossimo, aggiungendovi un’aliquota IVA ridotta del 10% su prodotti alimentari e giornali e riviste stampati (oggi tassati al 20% tranne un ridotto elenco di generi alimentari). Il partito ha previsto alcune misure di favore per gli anziani, tra cui l’abolizione del canone TV, il raddoppio delle gratifiche natalizie e l’esenzione dal pagamento dei farmaci. SNS lamentava il fatto che, sebbene nel contratto di governo fosse prevista la riduzione delle imposte sul reddito societario di un punto pecentuale all’anno, finora non è stato mai fatto.

L’uscita di Andrej Danko, leader di SNS, in conferenza stampa è stata una doccia fredda per i partner di coalizione, che non erano stati informati, ed era subito stata vista come un problema dal ministero delle Finanze, che notava come i conti dello Stato siano sotto forte pressione per la necessità di consolidamento delle finanze pubbliche che, per la prima volta, nel 2019 dovrebbe chiudere in pareggio.

Per non restare indietro, anche gli altri due partiti di governo hanno dovuto reagire, e nel giro di pochi giorni il primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD) ha annunciato che presenterà al consiglio di coalizione una sua proposta per tagliare le tasse, e per convincere i colleghi di SNS a ridurre le aspettative su alcune delle misure proposte.  Il premier aveva detto ad esempio che l’aliquota IVA al 10% su una gamma più vasta di alimentari non porterà automaticamente a una riduzione del prezzo finale dei prodotti per i consumatori finali, rischiando di rivelarsi un buco nell’acqua, come già è stato sperimentato in passato, e andando soltanto a ingrassare di più le catene di vendita al dettaglio. Quanto alla tassazione dei redditi di impresa, Pellegrini ha ricordato che quasi il 60% delle aziende che pagano la gran parte dell’imposta sul reddito in Slovacchia sono di proprietà straniera: riducendo le tasse in modo significativo, «consentiremo loro di godere di maggiori profitti e di portare più soldi fuori dalla Slovacchia». Per questa ragione, egli cercherà di convincere gli alleati a concentrare piuttosto i tagli nelle tasse sulle persone fisiche, piuttosto che sulle imprese.

Sulla questione è intervenuto ieri anche il ministro delle Finanze Peter Kažimír (Smer-SD), dichiarando che il suo dicastero ha preparato progetti alternativi per abbassare le tasse che permetterebbero il mantenimento di un bilancio statale equilibrato anche nei prossimi anni. Ma, ha ricordato, è il consiglio di coalizione l’organismo che deve decidere su quali misure attuare. Kažimír richiama l’attenzione sul fatto che i progetti di legge preparati dai tre partiti non possono essere attuati senza provocare un significativo deficit pubblico negli anni a venire, e il momento non è dei migliori, in vista di una Brexit che determinerà diversi problemi all’economia nazionale e al rallentamento dell’economia slovacca.

(La Redazione)

Foto klimkin CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.