Nuove strutture sanitarie all’avanguardia a Bratislava e Banská Bystrica

Due nuove strutture di eccellenza ospedaliera fanno il loro ingresso nel panorama della sanità slovacca di livello superiore.

A Bratislava dal mese di aprile sarà aperto presso l’Ospedale pediatrico universitario un nuovo centro neurologico all’avanguardia per bambini affetti da tumori cerebrali, gravi lesioni alla testa e alla colonna vertebrale e malattie del sistema nervoso centrale e periferico, tutti casi che fino ad ora venivano sottoposti a interventi chirurgici a cervello e spina dorsale nella clinica per adulti del vicino ospedale universitario. La struttura sanitaria avrà a disposizione un team di medici esperti che utilizzeranno le attrezzature più moderne, come un sistema robotico che servirà per eseguire un’ampia gamma di interventi chirurgici e un endoscopio ad alte prestazioni che ridurrà la necessità di tagli chirurgici.

Il Neurocentrum sarà specializzato in malattie del cervello e del midollo spinale, lesioni alla testa e alla colonna vertebrale, malattie vascolari, malattie congenite e infiammatorie del cervello e del midollo spinale. Secondo il direttore dell’ospedale, la nuova strumentazione consentirà di svolgere operazioni con la massima sicurezza e un carico di radiazioni ridotto. Permetterà anche di operare i pazienti con l’ausilio della realtà virtuale in 3D, visualizzata su monitor ad altissima risoluzione 4K. Grazie a questa strumentazione, il Neurocentro dell’Ospedale pediatrico diventa l’unica struttura medica in Europa dotato di strumentazione così moderna e particolarmente sicura.

Mentre a Banská Bystrica si è svolta il 25 marzo, alla presenza della ministra della Salute Andrea Kalavská e del premier Pellegrini, la cerimonia di posa della prima pietra di un nuovo padiglione dell’Istituto centrale slovacco per le malattie cardiovascolari. Il centro sarà ampliato con la costruzione di un nuovo centro diagnostico e di prevenzione ambulatoriale di cardiologia, per cui sono stati stanziati 9 milioni di euro. L’ampliamento dell’Istituto, che è nato appena dieci anni fa per servire gli abitanti della regione di Banská Bystrica e dell’intera regione della Slovacchia centrale, si è reso necessario a causa dell’enorme aumento della sua attività. Dai 31 mila pazienti di dieci anni fa, si è passati agli attuali 48 mila esaminati nelle cliniche ambulatoriali del centro. La costruzione dovrebbe essere completata a metà del 2020.

Solo poco tempo fa il governo aveva approvato per Banská Bystrica un vasto ammodernamento dell’Ospedale universitario e policlinico F. D. Roosevelt. Il primo ministro Pellegrini ha scritto sul suo profilo Facebook che quest’anno la sanità slovacca ha a disposizione dell’importo più elevato per investimenti mai stanziato: «gli ospedali possono ottenere fino a 100 milioni di euro per spese in conto capitale».

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

(Red)

Bokskapet CC0
MaxPixel CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.