Consiglio d’Europa: la Slovacchia deve fare le riforme anti-corruzione

In una relazione pubblicata martedì, l’organismo di controllo anticorruzione del Consiglio d’Europa (conosciuto con l’acronimo GRECO) apprezza i miglioramenti ottenuti dalla Slovacchia nell’attuazione di misure volte a prevenire la corruzione tra parlamentari, giudici e pubblici ministeri. Ma si aspetta che che le autorità dello Stato intensifichino gli sforzi per fare le riforme che, sei anni dopo le raccomandazioni espresse nel precedente rapporto, non sono ancora state attuate.

Solo sette dei 16 suggerimenti hanno visto attuazione, e il GRECO si rammarica che la Slovacchia non abbia raggiunto consenso politico su una maggiore trasparenza modificando la natura delle relazioni tra parlamentari e terzi, una questione che riguarda anche i lobbisti. Il paese non ha neppure rafforzato la supervisione e l’applicazione delle norme per la pubblicazione di informazioni finanziarie.

Il Consiglio d’Europa si aspetta dalle autorità slovacche entro la fine dell’anno una relazione sulle misure adottate per l’attuazione delle raccomandazioni ancora non realizzate.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.