Fico: la Procura speciale nega l’esistenza di una telefonata con Vadalà

Rimane di attualità la questione che riguarda una potenziale telefonata tra Antonino Vadalà, estradato in Italia per traffico internazionale di droga per conto della ‘ndrangheta, e l’ex premier Robert Fico, presidente del principale partito di governo Smer-SD. In una conferenza stampa, mercoledì Fico ha ribadito che non c’è stata alcuna telefonata tra lui e l’imprenditore italiano a lungo residente nella Slovacchia orientale. Fico ha reso noto quanto appreso per iscritto dal procuratore Juraj Novocký della Procura speciale (ÚSP), che di recente si è recato in Calabria per investigare sul caso. Le informazioni fornite dal procuratore per lettera a Fico, che aveva fatto una specifica richiesta sulla base della legge sul libero accesso alle informazioni, negherebbero che esistano prove di una conversazione telefonica con Vadalà nel 2012, come di recente riportato dai media dopo che il sito del quotidiano Repubblica aveva dato la notizia per primo.

Fico ha letto il testo della lettera di Novocký riguardo la conferma che non esiste nessuna registrazione in mano alle autorità giudiziarie italiane. Nel 2012 l’Italia non avrebbe svolto nessuna attività di intercettazione (né registrazione) di conversazioni telefoniche di Vadalà, il che esclude che possano esistere conversazioni tra i due. Egli ha ripetuto di non conoscere Vadalà e insistito che non esistono prove che dicano il contrario. Ha anche ripetuto che le indagini del giornalista Jan Kuciak hanno dimostrato che la mafia italiana non era coinvolta nell’omicidio. Tuttavia, secondo giornalisti investigativi italiani e l’intercettazione esiste, ma in un altro fascicolo di indagine.

Fico ha quindi attaccato i media, che secondo lui non hanno alcuna volontà di cercare le prove di quanto pubblicano come fatti accertati. Che invece certi non sono affatto. «Voi violate la legge», ha detto, «se aveste almeno un po’ di onore vi scusereste con me e con il partito Smer-SD». Annunciando di avere creato un team di avvocati che monitorerà il comportamento dei giornalisti, avvisando di essere pronto ad azioni legali per difendere il suo nome, Fico ha informato che prenderà provvedimenti contro la stampa fino a quando non smetterà di fare politica cercando di causare la caduta del governo.

(Red)

Foto FB

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.