Manifestazione sindacale a Košice: 3000 persone in piazza per chiedere salari più alti

Più di 3.000 lavoratori da tutta la Slovacchia orientale si sono radunati a Košice martedì pomeriggio per chiedere stipendi più alti. La protesta, organizzata dal sindacato OZ KOVO, parte dall’assunto che i salari effettivi dei lavoratori dipendenti slovacchi sono molto bassi, e vogliono che si apra una discussione sul livello reale degli stipendi netti. Se lo stipendio lordo medio nazionale è pari a 1.013 euro, lo stipendio netto ammonta a 770 euro, una somma che in realtà è guadagnata da meno di un terzo dei salariati. Nel complesso, il 60% dei lavoratori slovacchi ha buste paga inferiori al livello salariale medio nazionale.

Secondo i sindacalisti questi salari, che riguardano una grande porzione della popolazione slovacca, non sono in grado di garantire una vita dignitosa. Per non parlare della situazione nella Slovacchia orientale, che è decisamente più drammatica, con la metà dei dipendenti che non arriva a 616 euro netti al mese. Durante la manifestazione, i sindacalisti hanno affermato che l’economia della Slovacchia è paragonabile all’UE, quindi è tempo che anche gli stipendi della Slovacchia vengano adeguati. Alla fine del raduno le diverse sigle sindacali presenti hanno condiviso una dichiarazione congiunta in cui rifiutano di essere “cittadini di seconda classe” all’interno dell’UE. Gli slovacchi vogliono lavorare, ma chiedono un salario equo per il loro lavoro, si legge nella dichiarazione, e la retribuzione dovrebbe essere alzata ad un livello tale per cui valga la pena andare al lavoro.

(Red)

Foto FB

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.