Žiga: non accenderemo le unità 3 e 4 di Mochovce se non saranno più che sicure

Incontrando a Bratislava la ministra federale austriaca per la Sostenibilità e il Turismo Elisabeth Köstinger, il ministro slovacco dell’Economia Peter Žiga ha assicurato la controparte sulla nuova centrale nucleare di Mochovce in via di completamento: se non dovesse essere garantita la loro sicurezza assoluta, la terza e quarta unità di Mochovce non verranno messe in funzione. Nell’incontro, in cui si è discusso di energia, sicurezza nucleare e cooperazione nel campo del sostegno all’elettromobilità, Žiga ha assicurato che l’aspetto economico del lancio della centrale «passerà in secondo piano», perché «la priorità assoluta rimane la sicurezza della popolazione», cosa che ovviamente «vale anche per gli abitanti dei paesi limitrofi». Ci penserà l’Autorità di regolamentazione nucleare slovacca UJD a vagliare ogni dubbio, ha detto il ministro, ricordando che la Slovacchia rispetta le diverse opinioni dell’Austria sul tema dell’energia nucleare, ma rivendica di gestire da tempo in modo sicuro due centrali centrali nucleari che producono la maggior parte dell’energia nel paese. Secondo Peter Žiga l’energia atomica è da considerarsi una fonte di energia priva di carbonio, che contribuisce alla lotta contro il riscaldamento globale e il cambiamento climatico. E la Slovacchia non prende alla leggera la sicurezza, per questo il ministero dell’Economia ha accettato di scambiare informazioni con il suo partner austriaco.

(Red)

Foto vuje.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.