Il sistema giudiziario in Slovacchia è reputato poco indipendente

La Slovacchia si trova ancora a fondo classifica tra gli Stati membri dell’UE per quanto riguarda la percezione dell’indipendenza della propria magistratura. Lo dice la Commissione europea (CE) nel suo ultimo Country report, come annota Rtvs sul suo sito, ribadendo che perdurano i problemi sull’efficienza, l’indipendenza e la qualità del sistema giudiziario slovacco. Secondo il rapporto, i dubbi sull’indipendenza di giudici e tribunali rimangono in gran parte irrisolti e «non sembrano essere stati affrontati».

Il ministero della Giustizia afferma che diverse misure sono state messe in campo per risolvere queste questioni, anche accogliendo le precedenti raccomandazioni della Commissione, e sono attualmente in fase di sperimentazione, come l’introduzione del giudice ospite. Tiene poi ad evidenziare che va tenuto in considerazione il divario esistente tra la percezione da parte dei cittadini e la reale indipendenza del sistema giudiziario, che secondo il ministero è indiscutibile. Nel paese agisce un «Consiglio giudiziario indipendente», e le selezioni dei nuovi giudici dal 2017 sono operate con procedure di «massima trasparenza». Il dicastero della Giustizia intende agire sulla percezione pubblica dell’indipendenza giudiziaria chiedendo a chi viene in contatto con i tribunali dei questionari che «dovrebbero riflettere la reale esperienza delle persone». Esperienze concrete che si ritiene non siano influenzate dalla percezione dell’opinione pubblica, «spesso distorta». Sulla base dei dati raccolti, il ministero prenderà poi delle misure specifiche.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.