Il Bando 2019 della Farnesina per premi e contributi alle traduzioni

È uscito il Bando 2019 del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (Direzione Generale per la Promozione del Sistema Paese Ufficio VII) per “la richiesta di contributi e premi per la divulgazione del libro italiano e per la traduzione di opere letterarie e scientifiche, nonché per la produzione, il doppiaggio e la sottotitolatura di cortometraggi e lungometraggi e di serie televisive destinati ai mezzi di comunicazione di massa”.

Le domande devono essere presentate entro il 31 marzo 2019 agli Istituti Italiani di Cultura competenti per territorio, laddove esistenti, ovvero alle Ambasciate e ai Consolati d’Italia, nel Paese cui l’iniziativa si riferisce.

Il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale promuove la diffusione di opere editoriali e cinematografiche italiane all’estero attraverso l’erogazione di incentivi alla traduzione e al doppiaggio/sottotitolatura che rappresentano uno strumento strategico per la promozione della lingua e della cultura italiana all’estero.

La Farnesina eroga due tipi di incentivi finanziari:

  • Contributo alla traduzione di un’opera italiana all’estero non ancora pubblicata e per la produzione, il doppiaggio e la sottotitolatura di cortometraggi e lungometraggi e di serie televisive;
  • Premio ad un’opera italiana già tradotta all’estero.

Nel 2018 sono stati assegnati 95 contributi e 3 premi. Nel 2017 erano stati 120 contributi e 1 premio.

Le candidature vanno presentate annualmente agli Istituti Italiani di Cultura e alle Rappresentanze  diplomatiche e consolari italiane all’estero, secondo le procedure stabilite dal Bando.

Per maggiori informazioni vedere il sito del Maeci e quello dell’Istituto Italiano di Cultura a Bratislava.

(Inform)

Foto Pexels CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.