Peter Kažimir sarà governatore della Banca centrale dal 1° giugno

Il ministro delle Finanze Peter Kažimir (Smer-SD) diventerà il nuovo governatore della Banca centrale slovacca (NBS) a partire dal 1° giugno. Il presidente Andrej Kiska ha incontrato ieri il candidato, e ha detto di avere «accettato le richieste del ministro delle Finanze Peter Kažimir, d’accordo con il primo ministro Peter Pellegrini», per ritardare le dimissioni di Kažimir dal governo, dove ricopre anche la funzione di vice primo ministro, e il suo insediamento a governatore. «Ne ho parlato con l’ex governatore della Banca nazionale Jozef Makúch, che è pronto a guidare l’istituzione fino all’entrata in carica del nuovo governatore», ha dichiarato il presidente.

Il mandato di Makúch è valido fino al 2021, ma a novembre aveva informato il consiglio di amministrazione di NBS dell’intenzione di lasciare il suo incarico a marzo 2019. Ora, dopo l’accordo di una dilazione, egli rimarrà fino a fine maggio. Makúch è a capo della Banca nazionale dal gennaio 2010, nominato nel corso del primo governo di Robert Fico. «So cosa farò per i prossimi tre anni», ha detto alla stampa qualche tempo fa, «farò il visiting professor presso la Facoltà di economia all’Università di Economia». Allora disse che considerava Kažimir un buon successore.

Il presidente Andrej Kiska non ha ancora deciso cosa fare con Jozef Hudák, candidato dal governo alla carica di vice-governatore, che per il momento rimane vacante. Candidato dal partito SNS, Hudák non avrebbe secondo molti le competenze e l’esperienza necessaria per ricoprire il ruolo.

Peter Kažimir, nato 50 anni fa a Košice, è membro del partito socialdemocratico Smer-SD, di cui è uno dei vice presidenti. Negli ultimi sette anni è stato ministro delle Finanze nei governi Fico e Pellegrini. Ha dichiarato che intende, come prossimo governatore, continuare la modernizzazione della Banca centrale slovacca e prepararla alle nuove tecnologie e alla digitalizzazione. Egli non ha fino ad ora detto quando si dimetterà da ministro, e chi lo sostituirà. Kažimir, che recentemente ha ricevuto riconoscimenti internazionali di alto livello per il suo lavoro allla guida del ministero delle Finanze (miglior ministro delle Finanze della CEE e ministro delle Finanze europeo 2018), ha sottolineato il legame tra NBS e la Banca centrale europea (BCE) nella zona euro, affermando che la loro responsabilità comune è assicurare la stabilità dei prezzi e la salute del settore bancario. Il suo nome come nuovo governatore è uscito sulla stampa già nell’estate scorsa, e nell’autunno prima il governo e poi il Parlamento hanno approvato la sua nomina, che deve tuttavia essere confermata dal Presidente della Repubblica.

La Banca centrale slovacca (Národná banka Slovenska), con le sue 9 filiali regionali, è dal 1° gennaio 2009 parte dell’Eurosistema – il sistema delle 28 banche centrali europee. È un’istituzione indipendente, il cui obiettivo principale è mantenere la stabilità dei prezzi, e garantire la supervisione del mercato finanziario, oltre ad altre attività. Creata il 1° gennaio 1993 come la ‘sorella’ Banca nazionale ceca a seguito della scissione della Cecoslovacchia, la NBS rappresenta la Slovacchia, su autorizzazione del governo, nelle istituzioni finanziarie internazionali e nelle transazioni internazionali sul mercato monetario. La banca, attraverso il consiglio di amministrazione, formula la politica monetaria e applica strumenti e regole sulle misure monetarie. Il direttivo è composto dal governatore e da due vice-governatori, nominati e revocati dal Presidente della Slovacchia, e da altri tre membri nominati dal governo slovacco su proposta del governatore.

(La Redazione)

Foto EU2017EE cc by

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.