L’anticrimine mette sotto accusa due funzionari della Banca centrale

L’Agenzia nazionale anticrimine NAKA ha accusato due dirigenti della Banca centrale della Slovacchia (NBS) per abuso dei loro poteri. I due funzionari hanno implementato – secondo NAKA, illecitamente – la procedura di amministrazione controllata per una società di assicurazioni, sospendendo l’organo statutario della società e sostituendolo con un nuovo amministratore nominato da NBS che ne ha dichiarato la bancarotta. I fatti risalgono all’estate 2017, quando NBS si occupò dell’assicurazione Rapid Life. I due – Ivan B. e Monika I. – possono rischiare la galera con condanne tra i 10 e i 20 anni. La banca considera lecita e motivata la decisione dei suoi funzionari, e intende dare battaglia su questo fronte.

La polizia aveva accusato Ivan B. l’anno scorso di avere ricevuto 4.000 euro da Rapid Life nel 2015 e 2016 per garantire un trattamento meno severo da parte del controllore NBS. Sembrerebbe che egli avesse chiesto altri 10.000 euro. Gli investigatori ora hanno deciso di incriminare i funzionari della banca nazionale perché avrebbero causato danni all’assicuratore. Intanto, la procedura di fallimento sembra essere bloccata. Il curatore ha trovato la società con venti milioni di euro di debiti verso circa 15.000 clienti, e nessuna proprietà o capitali per farvi fronte. La proposta di fallimento presentata nel 2017 ma da allora sono falliti anche diversi fiduciari e il procedimento è praticamente ancora agli inizi.

In un altro procedimento, Rapid Life ha citato in giudizio lo Stato e un tribunale ha riconoscuto colpevole la Banca centrale di aver violato la legge già quando rilasciò la licenza all’assicurazione. L’eventuale risarcimento alla società basterebbe secondo gli ex proprietari e manager ri Rapid Life a estinguere i debiti. Ma nel frattempo anch’essi sono indagati per sospetta bancarotta fraudolenta.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.