Il ministro Lajčák ha illustrato agli alleati della NATO le priorità della presidenza OSCE 2019

Intervenendo a una sessione del Consiglio Nord Atlantico (NAC) a Bruxelles, organo decisionale primario della NATO, il ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajčák ha informato gli alleati riguardo le principali priorità della Slovacchia durante la sua presidenza dell’OSCE – Organizzazione per la sicurezza e cooperazione in Europa – che ha preso avvio all’inizio del 2019. I paesi NATO costituiscono metà della base di membri dell’OSCE, dunque è fondamentale una efficace cooperazione tra le due organizzazioni, soprattutto visti nelle loro dimensione militare e politica, che hanno in comune molte delle priorità che sono state evidenziate anche nel programma della Slovacchia per la sua presidenza OSCE 2019. Il diplomatico slovacco ha avuto occasione di discutere in un incontro privato anche con il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg.

Gli alleati NATO, secondo il ministro slovacco, hanno espresso apprezzamento per il fatto che la Repubblica Slovacca si sia attivava fin dall’inizio del suo mandato organizzando due missioni di lavoro in Ucraina e Moldavia. Lajčák ha detto in una conferenza stampa che tra le priorità della presidenza vi è una maggiore efficacia del multilateralismo, facendo uso di ogni possibile sinergia all’interno delle organizzazioni internazionali. Lui ha detto che esiste una opportunità di rafforzare la cooperazione tra l’OSCE e la NATO, nel momento in cui il trio di presidenza dell’OSCE – Italia, Slovacchia e Albania, rispettivamente ultimo, attuale e futuro paese alla presidenza – sono tutti gli stati membri della NATO. Lajčák ha inoltre informato il consiglio NAC della sua prossima visita a Mosca come capo dell’OSCE.

(Red)

Foto mzv.sk

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.