Pellegrini: a metà febbraio pronte le leggi per affrontare una hard Brexit

Il governo slovacco presenterà entro il 15 febbraio una serie di provvedimenti legislativi necessari ad affrontare la possibilità di una hard Brexit, cioè l’uscita del Regno Unito dall’UE senza un accordo. Il consiglio dei ministri chiederà al Parlamento di votare tali emendamenti con la procedura accelerata. Queste le parole del primo ministro Peter Pellegrini (Smer-SD) ieri, dopo una riunione di un gruppo di coordinamento interservizi per la Brexit. Entro quella data tutte le bozze di legge da modificare per controbattere alla Brexit dovranno essere sulla sua scrivania. «Siamo pronti a tutte le alternative e adotteremo le modifiche legislative in modo sufficientemente anticipato in modo da rispondere in dettaglio a ciò che accadrà nella realtà», ha detto il premier, secondo il quale la Slovacchia sarà perfettamente pronta alla situazione che si presenterà. Pellegrini ha inoltre informato che il 30 gennaio l’esecutivo adotterà un documento completo che tratterà di tutte le attività in Slovacchia che possono venire influenzate da una Brexit dura. Al momento, se nulla cambierà, la data programmata per l’uscita di Londra dall’Unione europea è il 29 marzo 2019, salvo una proroga dell’ultimo momento che non potrà essere più lunga di due o tre mesi, e in ogni caso prima dell’insediamento del nuovo Parlamento europeo.

Il governo ha inteso assicurare ai cittadini britannici che vivono, lavorano e studiano in Slovacchia che avranno gli stessi diritti che hanno ora, simili a quelli dei cittadini dell’UE. Già all’inizio di dicembre 2018 il governo britannico ha dichiarato che i diritti dei cittadini dell’UE residenti nel Regno Unito, e con essi delle decine di migliaia di slovacchi che vivono, studiano e lavorano in Gran Bretagna, sarebbero stati preservati anche in caso di nessun accordo. E con questo scenario si stanno muovendo anche gli altri governi dell’UE per garantire reciprocità. Del resto, Pellegrini ha sottolineato che la certezza del diritto e il mantenimento dei diritti dei cittadini slovacchi residenti nel Regno Unito sono un interesse prioritario della Repubblica Slovacca. Tra le questioni aperte, Pellegrini ha citato il fatto che se ci sarà una Brexit senza accordo la Slovacchia non ha una intesa con il Regno Unito sulla sicurezza sociale. A questo proposito il premier ha assicurato che «siamo pronti ad adottare entro la data in cui il Regno Unito lascia l’UE alcune leggi che garantiranno la sicurezza sociale dei cittadini, riconoscendo i loro anni di lavoro».

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.