I sindacati KOZ chiedono discussione su orari di lavoro più brevi

La Confederazione sindacale (KOZ) ha annunciato l’intenzione di avviare una discussione sul tema della riduzione dell’orario di lavoro dei lavoratori dipendenti all’interno del dialogo tra parti sociali (dunque tra sindacati, datori di lavoro e governo) nel corso di quest’anno. Il numero di ore lavorate a settimana dagli slovacchi è superiore alla media UE, dice KOZ. Il Codice del lavoro prevede in Slovacchia un numero massimo di 40 ore di lavoro a settimana.

Secondo le argomentazioni usate da KOZ, gli slovacchi passano in media quasi tre anni in più al lavoro rispetto alla media dei lavoratori dipendenti nell’UE, e cinque anni in più rispetto ai lavoratori di Svizzera, Germania e Norvegia. Secondo i sindacalisti, questi esempi di paesi sviluppati dimostrano che è possibile accorciare gli orari di lavoro e al tempo stesso mantenere invariata l’occupazione e un livello sostenibile dei salari.

Gli analisti avvertono che ridurre di mezz’ora o un’ora l’orario giornaliero avrebbe una forte influenza sui costi a carico dei datori di lavoro, che per mantenere lo stesso livello di produzione sarebbero costretti ad assumere nuovi dipendenti. Una misura che indebolirebbe le condizioni di competitività delle imprese slovacche e prevedibilmente porterà a un calo degli investimenti sia esteri che interni.

Le imprese hanno forti riserve su questa proposta, e chiedono che la riduzione dell’orario di lavoro rimanga un fattore esclusivo di contrattazione collettiva delle singole aziende, non invece imposta per legge. Un tale indirizzo potrebbe divenire in futuro un elemento critico per l’attività imprenditoriale, soprattutto per gli impianti che lavorano a ciclo continuo, vista la difficoltà di trovare sufficiente manodopera.

(Red)

Foto pixabay CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.