Corte europea, no deroghe ai limiti delle emissioni per i diesel

La Corte di giustizia dell’Ue ha accolto il ricorso di alcune città contro la decisione della Commissione europea di cosentire alle case automobilistiche di superare i limiti di emissioni dei veicoli diesel. Ma occorrerà parecchio tempo prima che possano essere costrette a mettersi in conformità. Di Stefano Valentino per Voxeurop.eu.

La sentenza, che accoglie il ricorso presentato a maggio dalle città di Parigi, Bruxelles e Madrid lo scorso maggio, riapre il dossier Dieselgate che pareva essersi concluso col diktat delle lobby dei costruttori. Questi tuttavia potranno continuare a inquinare oltre misura ancora a lungo visto che la Corte ha concesso alla Commissione dodici mesi per adottare regole piu rispettose della salute pubblica.

Ricostruiamo la vicenda. Lo scandalo Volkswagen nel 2015 aveva dimostrato come gli ossidi di azoto (Nox) emessi dai veicoli di tutte le case automobilistiche fossero superiori alla norma. Gli NOx sono responsabili di 75.000 decessi prematuri ogni anno in tutta Europa, secondo l’Agenzia ambientale europea.

Per porre fine alla frode, nel 2016 l’Ue ha deciso di ammodernare i test in laboratorio, fino ad allora effettuati con metodi obsoleti, e di integrarli con più accurati test di omologazione su strada. Tuttavia, sotto le pressioni dell’industria automobilistica e dei governi che la spalleggiano, la Commissione ha concesso un generoso periodo di deroga alle soglie che l’Europarlamento, unico organo democraticamente eletto, aveva stabilito nel 2007. E’ cosi previsto che dal settembre 2017 le emissioni dei nuovi modelli di auto immessi sul mercato possano arrivare fino a oltre il doppio del limite di 80 mg/km. Solo nel 2020 questo margine di sforamento verrà ridotto al 50% del limite ufficiale. Inoltre, tali soglie decrescenti si estenderanno, rispettivamente nel 2019 e nel 2021, anche ai nuovi veicoli di modelli già esistenti che solo l’anno prossimo inizieranno a essere testati anche su strada.

[…] Continua a leggere qui

Foto pixabay

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.