Ispezioni alimentari in Slovacchia, trovate 5.759 irregolarità

L’Autorità di supervisione veterinaria e alimentare slovacca (SVPS) ha svolto quest’anno 22.876 ispezioni alimentari, quasi novecento delle quali mirate a generi alimentari tipici della stagione natalizia. Controllando magazzini, ipermercati, supermercati, piccoli negozi, impianti produttivi, impianti di confezionamento, negozi online, distributori automatici, e mercati, gli ispettori hanno trovato complessivamente 5.749 criticità, secondo i dati resi noti in una conferenza stampa dal ministro dell’Agricoltura Gabriela Matecna insieme al direttore di SVPS Jozef Bires.

Come tutti gli anni, i controlli sulle derrate alimentari sono stati intensificati nel periodo prenatalizio, con particolare riguardo ai prodotti tradizionalmente più commerciati nella stagione delle feste di Natale e Capodanno, ha detto il ministro, invitando comunque i consumatori a scegliere più cibo fresco e di qualità da portare in tavola. Matecna esorta i consumatori a fare maggiore attenzione alla composizione degli alimenti indicata sulle etichette, allertandoli sul cibo «che ha viaggiato per centinaia di chilometri ed è maturato in condizioni artificiali».

I problemi più comuni riscontrati nelle ispezioni, ha detto Bires, riguardano la scarsa igiene dei reparti di vendita dei prodotti alimentari e dei magazzini di stoccaggio, ma anche alimenti in vendita oltre la data di scadenza, prodotti etichettati in modo non corretto, igiene insufficiente del personale e cibo contaminato da parassiti. I controlli, ha detto, proseguiranno per tutto il periodo natalizio fino alla fine del 2018. Complessivamente l’autorità ha comminato sinora 470 multe per un valore di circa 16.500 euro.

(Red)

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.