Elezioni presidenziali 2019, Róbert Mistrík e Béla Bugár in testa nei sondaggi

Secondo un sondaggio dell’agenzia AKO, è Róbert Mistrík, 52enne chimico, scienziato e imprenditore slovacco, politico e co-fondatore del partito neoliberale SaS, che avrebbe oggi le maggiori chance per diventare il prossimo presidente della Repubblica Slovacca. Candidatosi con il sostegno di SaS e del nuovo partito Spolu (Insieme) di Miroslav Beblavý e Jozef Mihál, Mistrík ha ottenuto la preferenza del 16,8% del campione rappresentativo di un migliaio di slovacchi maggiorenni intervistati la scorsa settimana. Con il 16,2%, scrive WebNoviny.sk, segue il leader di Most-Hid, Béla Bugár, e poi, con il 12,8% viene il giudice Štefan Harabin, già ministro della Giustizia nel primo governo di Robert Fico per il partito HZDZ di Vladimír Mečiar.

Al quarto posto si è piazzato Milan Krajniak, vice presidente del partito Sme Rodina di Boris Kollár, con il sostegno del 12,3%, mentre quinta è l’avvocato Zuzana Čaputová,che ha ordinato il sondaggio, il cui nome è stato scelto dal 10,9% dei partecipanti all’indagine. Il 9,5% ha invece scelto l’ex dissidente František Mikloško, tra gli organizzatori della Manifestazione delle candele del 1988 e co-fondatore del Movimento cristiano democratico (KDH), presidente del Parlamento e deputato per un ventennio. Mikloško aveva tentato la scalata presidenziale anche nel 2004 e nel 2009, quando vinse entrambe le volte Ivan Gašparovič, l’unico finora ad avere fatto due mandati presidenziali dalla nascita della seconda Repubblica Slovacca.

Il leader del Partito popolare Nostra Slovacchia (ĽSNS) Marian Kotleba ha ricevuto il 7,0% di sostegno, il politoloco Eduard Chmelár il 6,2%. Chiudono la lista Gabriela Drobová, direttrice di Fashion TV, al 3,0%, il presidente del partito etnico ungherese SMK József Menyhárt al 2,2%, l’analista della sicurezza Juraj Zábojník con l’1, 4%. Infine, sotto all’uno per cento sono il capo di una formazione di estrema destra Róbert Švec, che si ferma allo 0,6%, e poi alla pari è Radovan Znášik e Bohumila Tauchmanová lo 0,5%.

Sono stati inclusi nell’indagine telefonica soltanto i candidati che hanno già dichiarato pubblicamente la loro intenzione di correre per le elezioni presidenziali. Il 22% dei rispondenti ha dichiarato di non sapere chi votare e il 13% ha detto che non voterà o non ha voluto rispondere. L’attuale presidente Andrej Kiska ha dichiarato di non volersi ricandidare per un altro mandato.

(Red)

Foto Vivaldi721 cc by sa
Coleccionista de Instantes cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.