Conti dormienti, dall’Ambasciata l’invito a rammentare la prescrizione

Il ministero italiano degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale ricorda ai connazionali all’estero il tema dei cosiddetti “conti dormienti“, ovvero gli importi affluiti al Fondo Rapporto Dormienti a partire dal novembre 2008 e che, dal mese di novembre 2018 hanno iniziato a cadere in prescrizione. Si tratta di una cifra piuttosto importante – 673 milioni di euro – di somme depositate o investite e che non vengono toccate da almeno 20 anni, appartenute spesso a risparmiatori defunti, magari emigrati in un paese straniero, e non conosciute dagli eredi. Per evitare che i conti correnti, libretti, depositi di denaro, azioni, obbligazioni, fondi d’investimento e assegni circolari non riscossi vengano assorbiti dal fondo, c’è la possibilità di recuperare tali somme

L’Ambasciata d’Italia a Bratislava ci invita a porre in rilievo la questione, che potrebbe toccare anche italiani residenti in Slovacchia.

Per maggiori informazioni si può leggere quanto già pubblicato nei mesi scorsi:

L’Ambasciata ha pubblicato l’informativa della Farnesina qui.

 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

 

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.