Tragedia nella Slovacchia orientale: cinque morti in un incendio, quattro erano bambini

Un incendio scoppiato venerdì 30 novembre in un insediamento rom (foto sotto) vicino al villaggio di Richnava (distretto di Gelnica, regione di Košice), ha provocato cinque vittime. I vigili del fuoco, che sono intervenuti dalle prime ore di venerdì, hanno potuto solo estrarre i corpi carbonizzati di cinque persone dalle macerie del piano terra di una casa di mattoni di quattro stanze. Il fuoco era scoppiato prima delle 3 del mattino, e il tetto era crollato tra le fiamme prima dell’arrivo dei pompieri, che hanno impiegato quattro ore per spegnere completamente l’incendio. Quattro delle vittime sono bambini tra cinque e nove anni di età, mentre l’adulto trovato insieme a loro è la madre 28enne.

Nell’insediamento vivono all’incirca 2.500 rom. Secondo i vicini, che erano con lei la sera prima, la donna aveva accennato al fatto che si voleva ammazzare. Il compagno l’aveva lasciata dopo una relazione di quindici anni, cosa che lei sembra non potesse sopportare. Secondo il medico legale i bambini, di cinque, sette, otto e nove anni sono morti nel sonno.

Tristezza per quanto successo è stata espressa da diversi politici. Il presidente Kiska in una dichiarazione ha ricordato che ci sono «migliaia di persone che vivono in insediamenti in condizioni di estrema povertà». «Ho sottolineato la necessità di discutere di questo argomento da quando sono stato nominato presidente. Conosciamo le soluzioni, e molte sono già state testate. Ma interrompere il circolo vizioso della povertà richiede coraggio e determinazione».

(Red)


Foto HaZZ
Foto Jozef Kotulič cc by sa

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.