A Milano la mostra che racconta la protesta visiva di Banksy

Il Mudec di Milano ha aperto le proprie porte all’arte anticonvenzionale di Banksy. Lo street artist più famoso al mondo, dall’identità ancora sconosciuta, viene raccontato a tutto tondo per la prima volta in Italia con una mostra aperta a novembre. Un insieme di opere e video permette ai visitatori di entrare nell’ottica del suo pensiero ribelle.

A visual protest
Celebre per essere anticonformista e senza un’identità riconosciuta pubblicamente, Banksy approda a Milano grazie alla mostra A visual protest. The art of Banksy. Dallo scorso mese di novembre fino al 19 aprile 2019, il Mudec (Museo delle culture) di Milano espone un percorso artistico-tematico sulle opere del più famoso street artist del mondo. L’esposizione analizza lo stile, le tecniche e il contenuto dei suoi lavori più famosi. Le opere non sono state certamente sottratte alla strada, che è la “grande tela” dell’artista invisibile, ma fanno parte di collezioni private. Gli immancabili lavori urbani vengono ripercorsi, invece, tramite alcuni filmati.

L’arte ribelle
Le idee anticonvenzionali dell’artista emergono dalle sue opere, ma anche dalle sue scelte. Infatti la mostra non è stata autorizzata dallo stesso protagonista, che si dimostra ancora una volta rivoluzionario. L’esposizione mette a nudo le contraddizioni dell’epoca in cui viviamo. Nell’era della completa visibilità, Banksy si distingue per essere diventato famoso proprio grazie al suo anonimato. Ciò che il direttore dell’evento (Gianni Mercurio) vuole che emerga è il senso celato e non scontato del percorso artistico del writer inglese. Ogni lavoro corrisponde ad una precisa provocazione sociale, politica, etica o culturale. Ogni lavoro è una vera e propria protesta visiva.

Un percorso per temi
A visual protest. The art of Banksy mostra una numerosa serie di opere tra dipinti, copertine e vinili, fotografie, video e stampe. I graffiti che lo hanno reso famoso sono contenuti in alcuni filmati, mentre altre pellicole spiegano l’evoluzione della sua arte. Il percorso espositivo comprende varie tematiche attuali: la satira contro la guerra e l’uso delle armi, il consumismo, il potere della strada nella contraddizione delle istituzioni. Non mancano i suoi ratti, che sono l’allegoria dei graffitisti e rappresentano gli emarginati dalla società. Insomma, si tratta di un’immersione a 360° nelle sue trasgressioni visive piene di messaggi.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

(Sara Tonelli, vocidicitta.it cc by)

Foto mudec.it, Szater CC0
Elekes Andor cc by sa, Oren Rozen cc by sa

 

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.