Operazione della NAKA, 76 persone accusate di frode di IVA

Un investigatore dell’Agenzia nazionale anticrimine NAKA ha accusato di frode di Imposta sul valore aggiunto (Iva) 76 persone dopo un blitz svolto mercoledì 14 novembre dall’unità criminale finanziaria della NAKA nella regione di Bratislava. Gli imputati sono collegati come un gruppo organizzato che ha beneficiato illecitamente di vantaggi legati alla detrazione dell’Iva e causato danni alle casse dello Stato per almeno 1 milione e mezzo di euro, una cifra che tuttavia secondo gli inquirenti potrebbe crescere fino a 7 milioni. La frode si è svolta attraverso diverse società che hanno fornito e altre che hanno fittiziamente pagato la fornitura di prodotti e servizi pubblicitari, tra cui  opuscoli, brochure, annunci su riviste e pubblicità sul grande schermo.

Nel video qui sotto, pubblicato dalla polizia sulla propria pagina Facebook, una irruzione degli agenti NAKA.

MIMORIADNA SPRÁVA: ZÁSAH FINANČNEJ POLÍCIEFinančná polícia NAKA vykonáva od skorých ranných hodín v Bratislavskom kraji akciu v súvislosti so závažnou ekonomickou trestnou činnosťou, kde bolo zadržanych 10 podozrivých osôb, u ktorých sa vykonávaju domové prehliadky a prehliadky iných priestorov. Do realizácie bolo nasadených 115 policajtov.

Uverejnil používateľ Polícia Slovenskej republiky Utorok 13. november 2018

Nell’operazione sono stati schierati 115 poliziotti che hanno svolto le incursioni in diverse località. L’investigatore che ha presentato la richiesta di carcerazione ha proposto la custodia cautelare per nove persone in attesa del processo. I reati ascritti sono passibili di condanne tra sette e dodici anni di carcere.

(Red)

Foto flickr cc by

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.