L’intelligence non ha sorvegliato gli organizzatori di ‘Za slušné Slovensko’

Il presidente del Servizio di intelligence slovacco (SIS) Anton Šafárik ha detto oggi, in un’audizione alla Commissione parlamentare speciale per la supervisione del SIS ha affermato che il SIS non ha in alcun modo intercertatto o monitorato gli organizzatori delle proteste che vanno sotto il nome ‘Za slušné Slovensko’ (Per una Slovacchia dignitosa). La commissiona ha tenuto una sessione straordinaria su richiesta del suo presidente Gabor Grendel del partito di opposizione OLaNO, preoccupato dal clima intimidatorio che si respira dopo che cinque dei rappresentanti dell’iniziativa studentesca che la scorsa primavera ha portato nelle strade centinaia di migliaia di persone provocando la caduta del governo sono stati convocati per interrogatori svolti nei giorni scorsi dall’Agenzia nazionale anticrimine NAKA.

La Commissione SIS non ha tuttavia raggiunto il quorum necessario, in quanto si sono presentati solo cinque dei suoi 13 membri. Se svaniscono in qualche modo i sospetti che l’intelligence slovacca possa avere sorvegliato i giovani attivisti, per Grendel rimane il dubbio che a farlo possano essere stati altri, il che significherebbe una sorveglianza illegale, del tutto inaccettabile ina società democratica.

Sono stati gli stessi organizzatori delle proteste che hanno espresso il sospetto di essere stati monitorati, accusando le forze di sicurezza dello statodi un tentativo prepotente di intimidirli. In risposta agli interrogatori e al clima di accuse contro di loro espresse anche dall’ex premier Fico di avere tentato un colpo di stato e di essere “agenti” al soldo di finanziatori stranieri, hanno indetto per oggi alle 17 una nuova ondata di proteste in tutta la Slovacchia alla vigilia dell’anniversario della Rivoluzione di velluto del 1989.

In questi giorni gli organizzatori avrebbero ricevuto un grande sostegno popolare. Due di loro, Karolína Farská e Juraj Šeliga, hanno fatto sapere oggi di avere ricevuto quasi 50.000 euro sul conto bancario trasparente pubblico dell’iniziativa subito dopo l’uscita sui media degli interrogatori della NAKA, un importo che sta costantemente crescendo.

(Red)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.