Lo strumento di sorveglianza cinese che riconosce i cittadini da come camminano

Un sistema di riconoscimento dell’andatura, attualmente in fase di sviluppo in Cina, andrà a completare il riconoscimento dei cittadini qualora il loro volto non fosse abbastanza visibile. Questo funzionamento un po’ distopico è alla base di un nuovo strumento di sorveglianza che la Cina vuole adottare su larga scala, e già sperimentato dalle forze dell’ordine a Pechino e a Shanghai.

Una tecnologia nascente, così come è nascente Watrix, l’azienda che la fornirà al governo della Terra di mezzo. Si tratta di una piccola realtà attiva nel comparto dell’intelligenza artificiale e della robotica, attualmente in fase di seed (quindi nelle prime fasi dell’impresa, quando il prodotto è ancora poco più che un concetto) e che ha raccolto 14,5 milioni di dollari dagli investitori, (cifra certamente sostanziosa ma del tutto insufficiente per rilasciare sul mercato un prodotto solido, affidabile e scalabile).

Il Ceo di Watrix Huang Yongzhen ha tuttavia affermato che il sistema è in grado di identificare persone voltate di spalle o con il viso copertodistanti fino a 50 metri dalle videocamere, andando così a colmare uno dei gap del riconoscimento facciale, che necessita di immagini ad alta risoluzione e soggetti molto vicini agli strumenti di raccolta dei frame.

Quello in fase di sviluppo è un sistema di sorveglianza che non ha necessità della collaborazione dei cittadini e che non può essere ingannato zoppicando o cambiando andatura, perché valuta tutte le caratteristiche del corpo. […]

Continua a leggere su Wired

Illustr. geralt CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.