Aldo Amati nuovo ambasciatore italiano in Polonia

ROMA\ aise\ – «Sono orgoglioso di rappresentare l’Italia in un Paese in grande crescita, al centro dell’Europa e al quale ci legano rapporti secolari di commerci, cultura e simpatia reciproca». Queste le parole di Aldo Amati, da oggi nuovo Ambasciatore d’Italia in Polonia.

Bergamasco, classe 1958, Amati si laurea in scienze politiche all’Università di Milano. Entra in carriera diplomatica nel 1987. Il suo primo incarico è al Servizio Stampa e Informazione; da segretario di legazione, vola a Mosca dove rimane fino al 1994. Quindi, è primo segretario commerciale a Londra. Nel 1998 torna in Italia per un incarico nel Gabinetto de Ministro. Tre anni dopo, nel 2001, è consigliere a Washington: nella stessa sede verrà poi confermato con funzioni di primo consigliere fino al 2003. Svolgerà lo stesso incarico a Tokyo.

Nel 2009 torna alla Farnesina come Vice Capo del Servizio Stampa e Informazione, incarico che ricopre fino al 2011 quando è posto fuori ruolo per prestare servizio presso il Segretariato Generale della Presidenza della Repubblica, all’Ufficio Affari Diplomatici, quale Consigliere Diplomatico Aggiunto del Presidente della Repubblica. Torna al Ministero come Capo del Servizio per la Stampa e la Comunicazione istituzionale, con il connesso incarico di portavoce del Ministro, nel 2013. L’anno successivo è alle dirette dipendenze del Direttore Generale per l’Unione Europea. Quindi, nel 2014, è Ambasciatore a Praga, incarico lasciato qualche settimana fa.

(aise)

Foto FB/ItalyinCZ

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.