Dubček e la Primavera nell’ultimo libro del prof. Leoncini, giovedì 25 a Roma la presentazione

Giovedì 25 ottobre presso la sede di Gangemi Editore International si terrà la presentazione di „Dubček. Il socialismo della speranza. Immagini della Primavera cecoslovacca”un volume appena uscito in libreria del prof. Francesco Leoncini.

Con un apparato fotografico di circa sessanta scatti dal raro impatto emotivo, corredati da testi esplicativi e scritti dell’epoca, il volume di Leoncini rievoca quell’appassionante atmosfera di attesa e di ricerca di cambiamento che animava la società cecoslovacca nei mesi tra il gennaio e l’agosto 1968. L’autore non tralascia di documentare il trauma dell’invasione, nella notte tra il 21 e il 22 agosto di cinquanta anni fa, e aggiunge una cronologia degli eventi e una bibliografia essenziale. Tra le fotografie diverse sono tratte dal ricco archivio fotografico di Rodrigo Pais, che ebbe la fortunata occasione di recarsi a Praga proprio tra aprile e maggio del 1968. Presente anche un testo di Günter Grass, un discorso che fece all’indomani della fine dell’esperienza cecoslovacca. Lo scrittore tedesco criticò con lingua affilata le velleità rivoluzionarie dei movimenti di contestazione occidentale a fronte del concreto impegno per riforme di tipo socialista e democratico che era proprio degli esponenti della Primavera.

Il lavoro di Leoncini, 80 pagine illustrate in brossura, prezzo di copertina 15 euro, si differenzia sia per originalità interpretativa che per l’ideazione editoriale dalla pubblicistica che periodicamente viene edita più per ricordare il dramma e le conseguenze dell’intervento sovietico che per far rivivere la carica innovativa, e la bruciante attualità, dell’esperimento che Dubček mise in atto tra Praga e Bratislava.

Francesco Leoncini è noto come autorevole studioso della storia e della realtà politica dell’Europa centrale, è membro onorario della Masarykova společnost [Società Masaryk] di Praga e socio della Deutsche Gesellschaft für Osteuropakunde di Berlino. Si è occupato di minoranze e autodeterminazione, con particolare riferimento all’ex Cecoslovacchia. Dagli anni ’70 ha parallelamente sviluppato i suoi interessi sui movimenti alternativi al sistema sovietico ed è uscito nell’89 con i due volumi “L’opposizione all’Est 1956-1981″ e “Che cosa fu la “Primavera di Praga”?”. Nel 2008 ha dato vita all’opera collettanea “Alexander Dubček e Jan Palach. Protagonisti della storia europea”, al quale è seguito nel 2011 “L’Europa del disincanto. Dal ’68 praghese alla crisi del neoliberismo”, entrambi dati alle stampe dall’editore Rubbettino. Alla ricerca delle radici del dissenso cecoslovacco, ha recuperato la figura del fondatore dello Stato e primo presidente, Tomáš Garrigue Masaryk, e ne ha tradotto il suo scritto programmatico del 1918, “La Nuova Europa”, che ha importanti risvolti in ambito geopolitico e affinità con il pensiero mazziniano. Ha insegnato Storia dei Paesi Slavi e Storia dell’Europa Centrale all’Università Ca’ Foscari di Venezia.

Con l’autore, parteciperanno all’appuntamento l’Ambasciatore della Repubblica Slovacca Ján Šoth e Federico Argentieri, direttore del Guarini Institute for Public Affairs della John Cabot University di Roma.

Qui una selezione dei libri del prof. Leoncini, come autore o curatore.

..
„Dubček. Il socialismo della speranza. Immagini della Primavera cecoslovacca”
Quando: giovedì 25 ottobre 2018, ore 17:00
Dove: Sala Mostre e Convegni di Gangemi Editore International, via Giulia 142, Roma
Info: tel. 06 6872774

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.