Sottosegretario Ferencz: a BMW la Slovacchia aveva offerto 166 milioni

Emergono nuovi dettagli sulla mancata operazione di investimento della casa automobilistica BMW in Slovacchia. Il governo, che ha lavorato un anno ai negoziati con i tedeschi, aveva offerto all’azienda 166 milioni di euro di incentivi per costruire uno stabilimento nel parco industriale strategico di Haniska, vicino a Košice, ma alla fine hanno vinto gli ungheresi con Debrecen, che grazie alla location in una regione meno sviluppata nell’est del paese hanno potuto concedere un aiuto di Stato più importante. Guardando ai numeri, gli slovacchi hanno offerto un incentivo pari al 35% della somma dell’investimento, cifra massima consentita in base alle regone della Commissione europea, mentre i magiari si sono spinti fino al 50%.

Ha confermato questa versione per il settimanale Trend il vice ministro slovacco dell’Economia Vojtech Ferencz, spiegando che BMW aveva selezionato quattordici siti per la sua nuova fabbrica, e Haniska e Debrecen erano arrivati alla partita finale. I rappresentanti dell’azienda tedesca sono venuti in Slovacchia più di trenta volte prima di decidere. Alla fine di luglio 2018 BMW ha annunciato di aver scelto per il suo investimento da 1 miliardo di euro Debrecen, dove intende produrre 150.000 veicoli con motori a combustione, ibridi ed elettrici all’anno. La costruzione dello stabilimento dovrebbe iniziare tra circa un anno. Vi lavoreranno un migliaio di persone. Con BMW, Audi e Mercedes-Benz l’Ungheria diventa un sito di prima importanza per i costruttori tedeschi di automobili di lusso.

Dopo la delusione per l’addio di BMW, il governatore e il consiglio regionale di Košice, dove si sarebbero potuti creare migliaia di nuovi posti di lavoro diretti e indiretti, hanno incolpato il ministero dell’Economia per il disastro nei negoziati, accusandolo di non avere mai contattato le istituzioni locali per farle intervenire nel processo.

In Slovacchia sono presenti tre grandi impianti automobilistici. Il gruppo Volkswagen, presente nel paese dal 1991, che produce auto a marchio VW, Audi, Porsche, Seat e Skoda, l’impianto del Groupe PSA a Trnava con modelli Peugeot e Citroen, la Kia Motors di Zilina, unica fabbrica europea del gruppo coreano, e infine lo stabilimento di Jaguar Land Rover, che entrerà in produzione con un modello Land Rover nei prossimi giorni. Negli ultimi anni la produzione di auto in Slovacchia ha superato il milione di unità, una cifra che Land Rover aiuterà ad aumentare considerevolmente dall’anno prossimo.

(Red)

Foto pixabay-CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.