La sicurezza della Slovacchia dipende da UE e NATO

Intervenendo al dodicesimo Forum slovacco sulla sicurezza svoltosi a Bratislava nei giorni scorsi, il nuovo segretario di Stato al ministero degli Esteri František Ružicka ha ricordato che è fondamentale per la politica estera della Slovacchia mantenere una posizione forte all’interno dell’Unione europea e della NATO, perché «la nostra sicurezza dipende dalla forza di queste organizzazioni». Per noi non ci sono alternative, ha affermato Ružicka, che pensa che «dobbiamo comunicare alla gente, megio e più chiaramente», e dichiarare apertamente che noi apparteniamo sia all’UE che alla NATO «sia in termini di valori che di civiltà». Comunque, la Slovacchia non è solo un fruitore passivo della sicurezza fornita da altri, ma partecipa attivamente al suo potenziamento. Il diplomatico slovacco ha esortato a vigilare che i nuovi pericoli provenienti da notizie false e una guerra di propaganda non riescano a indebolire la democrazia in Europa. L’obiettivo di tali minacce è «indebolire le alleanze militari e politiche, e riportare quindi indietro l’Europa all’epoca dei confini chiusi, movimenti limitati, vincoli al lavoro e alla sfiducia».

Secondo il rappresentante permanente della Slovacchia presso la NATO Radovan Javorčik, sono diverse le sfide che l’organizzazione euroatlantica deve affrontare, ma non si può dire che la NATO sia in crisi. Si può, piuttosto, dire che «stiamo affrontando cambiamenti fondamentali nello stile della comunicazione politica e nelle relazioni internazionali in quanto tali». Javorčik ha ricordato aggiunto che il ministro degli Esteri slovacco Miroslav Lajčak ha invocato la rinascita del multilateralismo, ma «questo non si sta verificando», e si tende ad affrontare spesso le crisi con coalizioni ad hoc. Un orientamento, questo, che non è positivo per paesi come la Slovacchia, ha detto il funzionario.

Gli oratori del Forum, una delle maggiori conferenze sulla sicurezza su territorio slovacco, hanno convenuto che il Paese ha un’occasione d’oro per influenzare in modo significativo la politica dell’OSCE, l’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa , quando nel 2019 ne prenderà la presidenza. L’OSCE infatti è un’organizzazione peculiare per la sua inclusione di paesi come Stati Uniti e Russia, ed ha funzioni particolarmente politiche, con un ruolo chiave, ad esempio, in situazioni di crisi come il conflitto in Ucraina orientale. Con la sua guida, la Slovacchia avrà la possibilità di indirizzare politicamente le decisioni e promuovere i propri interessi nazionali di politica estera.

(Red)

Mappa: wiki

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.