Agricoltori colpiti da siccità nel 2017, il ministero lavora a risarcimenti

Il ministero dell’Agricoltura e dello Sviluppo rurale ha presentato per i commento interministeriali un disegno di legge per sostenere con un aiuto finanziario gli agricoltori che lo scorso anno hanno subito danni alle colture a causa della grave siccità. Vista la situazione straordinaria verificatasi nel 2017, il documento propone uno stanziamento di oltre 34 milioni di euro per compensare le aziende che hanno subito le maggiori perdite originate dalla siccità, registrando una minore produzione agricola di almeno il 30%. I fondi non sono ancora disponibili, e saranno da ricavare dal bilancio di previsione del ministero per il prossimo anno.

Il provvedimento si indirizza soprattutto verso le aziende che hanno una produzione cerealicola intensiva. Non tutti, comunque, riceveranno un risarcimento: il clima estremo dello scorso anno ha prodotto i suoi effetti negativi su almeno 210 agricoltori e imprese agricole, che occupano oltre 6.500 persone e che hanno contabilizzato perdite complessive per quasi 52 milioni di euro. Le zone più colpite, scrive il sito polnoinfo.sk, sono state la Slovacchia centrale e il sudovest del paese. Gli agricoltori del distretto di Trnava hanno subito i danni maggiori, pari a 7,4 milioni di euro, il 14% del totale. Altre aree particolarmente toccate dal fenomeno sono i territori di Dunajska Streda, Senec, Galanta, Hlohovec e Nitra.

Per ricevere gli indennizzi, le aziende danneggiate dovranno provare di averne diritto. Oltre a utilizzare i dati ufficiali registrati dalle centraline meteorologiche dell’Istituto idrometeorologico SHMU, i funzionari del ministero dovranno calcolare per ogni richiedente la media del raccolto degli ultimi cinque anni, togliendo l’anno peggiore e quello migliore. La media dei tre anni mediani sarà la base di confronto con l’annata 2017.

Il ministero propone inoltre un indennizzo del 10% in più per gli operatori agricoli che hanno impiegato l’irrigazione artificiale, allo scopo di compensare i maggiori costi di produzione.

Sono ormai anni che la siccità è divenuta un problema importante in Slovacchia, anche a causa di una rete di irrigazione che è stata completamente lasciata andare in rovina dopo la divisione della Cecoslovacchia. Per questo il ministero ha proposto aiuti agli agricoltori che installano i loro sistemi irrigui. I produttori agricoli slovacchi chiedono da tempo al ministero di avviare la creazione di un fondo di garanzia per far fronte celermente a eventi eccezionali – dal gran caldo alle gelate improvvise e fuori stagione, come avvenne nell’aprile 2017, con conseguenze funeste per il settore frutticolo – e dare così conforto al settore agroalimentare che non vive in condizioni particolarmente prospere anche a causa del loro basso potere contrattuale nei confronti delle catene di distribuzione commerciale.

(Red)

Foto pixabay CC0

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.