Catturati otto sospetti per l’omicidio di Ján e Martina

Con un annuncio su un social network la polizia ha informato alle 7 di questa mattina che sono state arrestate alcune persone «sospettate di reati violenti». L’Agenzia nazionale anticrimine (NAKA) che ha arrestato si è limitata a dire di essere impeganata nella perquisizione di alcune abitazioni e in altre operazioni procedurali. Dettagli e altre informazioni potranno essere fornite, dice un avviso sulla pagina Facebook del corpo di polizia, «quando la situazione lo consentirà». Pur non venendo specificato nei messaggi, è subito corsa voce che si trattasse di un’azione collegata al doppio omicidio di Ján Kuciak e della sua fidanzata Martina Kusnirova.

Più tardi sono stati pubblicati altri post, per informare che «non saranno fornite ulteriori informazioni per non alterare le indagini in corso», e poi sono arrivate alcune immagini dell’operazione di polizia: si vedono agenti incappucciati dell’anticrimine in borghese, incursioni notturne in alcune case anche con l’ausilio di unità cinofile, diverse auto della polizia e auto civetta, perquisizioni, e una sala in cui sono i sospetti sono allineati, seduti a un tavolo.

MIMORIADNY ZÁSAH: ĎALŠIE FOTOGRAFIERozdelenie v neskorej nočnej hodine, vedúci tímu vyšetrovateľov s malou časťou rozsiahleho spisu a zábery po zásahu pred objektmi.

Uverejnil používateľ Polícia Slovenskej republiky Štvrtok 27. september 2018

L’intervento della NAKA è avvenuto alle 4 del mattino a Kolárovo, località nella regione di Nitra. Le persone detenute sono otto, e sono ritenute direttamente collegate all’omicidio.

L’avvocato della famiglia Kuciak, Daniel Lipšic, ha pubblicato questa mattina sul suo profilo Facebook un messaggio, spiegando che «oggi, nelle prime ore del mattino, i sospettati dell’assassinio di Ján Kuciak e Martina Kušnírova sono stati arrestati». L’avvocato, già parlamentare e più volte ministro, l’ultima volta alla Giustizia (2012-2012), ha scritto che la squadra investigativa «è composta anche da investigatori esperti ed il caso è supervisionato da due procuratori straordinariamente competenti della Procura speciale. La portata delle indagini, anche con la partecipazione di Europol e di altri organi stranieri, non ha precedenti». Appellandosi a tutti gli slovacchi, Lipšic ha scritto di essere cosciente che «esiste (e spesso è legittimo) un generale scetticismo sulle nostre forze dell’ordine», ma «vorrei chiedervi fiducia nei risultati di questa indagine. Anche grazie alla pressione dell’opinione pubblica, nessuno ha potuto permettersi di interferire con il suo corso».

L’avvocato ha poi sottolineato che «L’indagine non è e non sarà completata fino a quando non vengono identificati, detenuti e processati […] i mandanti di questo orribile atto. Coloro che non hanno esitato a uccidere il coraggioso giornalista e la sua fidanzata per coprire le loro attività criminali».

Secondo quanto riporta l’agenzia Tasr, il quotidiano ceco Respekt ha riferito che per la cattura dei sospetti sono state fondamentali delle immagini riprese da un satellite statunitense. «Sono state le immagini di un satellite, posizionate casualmente al momento dell’omicidio al di sopra del luogo in cui due giovani sono stati uccisi: l’analisi dei movimenti di individui e automobili ha aiutato a scoprire i sospetti», si legge sul sito web respekt.cz.

(La Redazione)

Foto Peter Tkac cc by sa

Be the first to comment

Rispondi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetto" nel banner a fondo pagina"

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.