L’Europarlamento chiede la messa al bando delle microplastiche

STRASBURGO\ aise\ – Incentivi per la raccolta dei rifiuti marini in mare, nuove norme a livello europeo in materia di biodegradabilità e compostabilità e un divieto totale della plastica ossidegradabile entro il 2020: sono alcune delle proposte contenute nella risoluzione non vincolante approvata il 13 settembre dal Parlamento Europeo con 597 voti favorevoli, 15 contrari e 25 astensioni. La plastica ossidegradabile non è biodegradabile né compostabile e influisce negativamente sul riciclaggio della plastica convenzionale. Gli eurodeputati propongono inoltre un divieto delle microplastiche nei cosmetici e nei prodotti per la pulizia entro il 2020.

STANDARD DI QUALITÀ PER LE PLASTICHE RICICLATE
Un mercato interno per le materie prime secondarie è necessario per garantire la transizione verso un’economia circolare, dicono i deputati europei che, con la risoluzione, chiedono alla Commissione europea di proporre degli standard sulla qualità per creare fiducia e rafforzare il mercato della plastica secondaria, tenendo conto dei diversi gradi di riciclaggio compatibili con i diversi usi, garantendone al tempo stesso la sicurezza, ad esempio quando la plastica riciclata è utilizzata in contenitori per alimenti. Gli Stati membri dovrebbero inoltre considerare la possibilità di ridurre l’IVA sui prodotti contenenti materiali riciclati.

MAGGIOR RESPONSABILITÀ PER I PRODUTTORI
L’Europarlamento sottolinea, poi, che esistono diversi modi per raggiungere tassi elevati di raccolta differenziata e riciclaggio, tra cui gli Stati membri possono scegliere: un sistema di responsabilità estesa del produttore, meccanismi di deposito-rimborso e una maggiore sensibilizzazione del pubblico.

UN MARE DI PLASTICA
I deputati sottolineano l’importante ruolo che i pescatori potrebbero svolgere nella lotta contro la plastica nei mari, in particolare raccogliendo i rifiuti durante le loro attività di pesca e riportandoli in porto. La Commissione e gli Stati membri dovrebbero incentivare questa attività.

NOVE EUROPEI SU DIECI PREOCCUPATI
Secondo la Commissione europea, l’87% dei cittadini dell’UE si dichiara preoccupato per l’impatto ambientale della plastica. Nell’UE, la produzione globale annua di plastica ha raggiunto i 322 milioni di tonnellate nel 2015, e si prevede che raddoppierà nei prossimi 20 anni. Solo il 30% dei rifiuti di plastica viene raccolto per il riciclaggio, mentre solo il 6% della plastica immessa sul mercato è costituita da materiali riciclati.

La plastica rappresenta l’85% dei rifiuti delle spiagge e oltre l’80% dei rifiuti marini.

(aise)


Foto Ingrid Taylar cc by
Foto Ben_Kerckx/pixabay

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.