Aumento bollette elettriche, deputato denuncia l’autorità URSO

Il deputato di opposizione Karol Galek (Libertà e Solidarietà /SaS) ha annunciato mercoledì che sta preparando una denuncia all’Ufficio del Procuratore generale della Repubblica Slovacca chiedendo che indaghi sull’aumento dei prezzi dell’elettricità da parte dell’autorità di regolamentazione dell’energia URSO, che a suo dire addebita ai consumatori di energia elettrica i sussidi per la produzione elettrica nelle centrali a carbone. Galek accusa il «candidato politico» Lubomir Jahnatek, ex ministro dell’Economia e dell’Agricoltura per i socialdemocratici, oggi presidente di URSO, di avere preso la «decisione scandalosa» di concedere in modo subdolo un contributo di 18 milioni di euro a favore dell’industria nazionale del carbone.

Secondo Galek, con quella cifra tutte le famiglie nel distretto di Prievidza, dove si trova la centrale elettrica di Novaky, «potrebbero avere elettricità gratuitamente per un anno intero». Galek afferma che, giustificando gli aumenti con un aumenti dei prezzi delle emissioni, il capo dell’autorità agisce in violazione del proprio stesso regolamento che stabilisce esattamente quale dovrebbe essere la quota di costo per le emissioni che può confluire nel prezzo dell’elettricità prodotta dal carbone domestico. Ma forse, sospetta il deputato, la vera ragione degli aumenti è un possibile aumento del prezzo dello stesso carbone estratto nella regione, che già si fatica a consumare.

Il governo ha stabilito di recente, in collaborazione con la Commissione europea, la fine dell’estrazione del carbone in Slovacchia con una road map che dovrebbe nei prossimi anni portare investimenti per a conversione dell’industria del carbone dell’Alto Nitra in industrie più verdi e sostenibili che mantengano l’attuale occupazione.

(Red)


Foto: pixabay

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.