26 anni fa la firma della Costituzione slovacca

Il primo settembre la Slovacchia ha celebrato i 26 anni dalla firma della Costituzione, che si tenne l’1 settembre 1992. In una dichiarazione, il presidente Andrej Kiska ha detto sabato che «la nostra Costituzione definisce la Slovacchia come un paese democratico nel rispetto dello stato di diritto». Purtroppo però, ha notato il capo dello stato, «l’anno in cui celebriamo il 25° anniversario della fondazione della Slovacchia indipendente è anche l’anno in cui la fiducia delle persone nella giustizia e nello stato di diritto è scesa ai livelli più bassi di sempre». Ed è anche l’anno in cui «la gente sente più che mai che la legge non si applica allo stesso modo a tutti, e non protegge tutti allo stesso modo», ha affermato Kiska.

Parlando nella sede storica del Consiglio nazionale slovacco, l’edificio sulla piazza Župné námestie nel centro storico di Bratislava, il presidente del Parlamento Andrej Danko sabato ha ricordato come si è arrivati alla compilazione della Costituzione, in cui si è fissata come data di fondazione del nuovo stato indipendente il 1° gennaio 1993. Ha menzionato la trasformazione economica del Paese, la formazione dello stato e le sfide dell’integrazione europea cui si sono trovate di fronte Slovacchia e Repubblica Ceca. Ha detto che «la democrazia non è un processo statico, richiede dei cambiamenti, non è sufficiente adottare le leggi al momento della fondazione del paese, è necessario adeguarle a un particolare periodo».

Nell’occasione, il primo ministro Peter Pellegrini ha elogiato il documento costituzionale, perché è un documento moderno e di qualità, e in questo quarto di secolo nella sua formulazione «non sono stati necessari cambiamenti cruciali», ma se pensiamo che possiamo trarne dei benefici, «non dobbiamo aver paura di fare dei cambiamenti», ha sottolineato il premier.

Dichiarazioni, quelle di Pellegrini, sulle quali gli esperti non sono concordi. Jozef Vozár dell’Istituto statale e di diritto dell’Accademia delle scienze slovacca ha notato tempo fa che gli americani, la cui Costituzione ha 200 anni, «l’hanno cambiata 27 volte», mentre «gli slovacchi hanno fatto 17 modifiche in 25 anni».

(Red)

Foto vlada.gov.sk/nrsr.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.