I prezzi alimentari in Slovacchia cresciuti del 46% dal 2000

Una analisi dell’unione delle Cooperative agricole slovacche (SFD), le cui aziende agricole gestiscono 25.000 ettari di terreno coltivabile in tutta la Slovacchia, mostra che i prezzi delle derrate alimentari sul mercato nazionale hanno sofferto aumenti del 46% dall’inizio del millennio, come riporta Tasr.

Con questo dato, la Slovacchia veleggia nella zona centrale di tale tabella, che prende in esame i prezzi dal 2000 ad oggi. Nel periodo 2000-2017 la minor crescita dei prezzi di cibo e bevande analcoliche, del 7,6%, è stata osservata in Irlanda mentre la Romania spicca per l’aumento più alto, addirittura pari al 185,6%.

Quest’anno la Slovacchia risulta il paese con la maggior crescita dei prezzi alimentali nell’intera UE. Complessivamente, nel periodo sotto esame, i prezzi di beni e servizi in Slovacchia sono aumentati del 64,1%, con l’istruzione a segnare il record negativo con una crescita del 173%, seguita dalle spese per l’alloggio e l’energia (140%). Nel frattempo, indica l’analisi, i dati dell’Ufficio di Statistica nazionale dicono che tra il 2000 e il 2017 i salari nominali medi in Slovacchia sono saliti del 145%, ben più del costo medio di beni e servizi.

(Red)

Foto BS

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.