Il ministero Difesa vieta ai paramilitari le insegne delle forze armate

Il ministro della Difesa Peter Gajdos (Partito nazionale slovacco / SNS) ha annunciato martedì l’intenzione di attuare misure per proteggere insegne militari ed emblemi delle Forze Armate slovacche, allo scopo di impedirne l’uso da da parte delle organizzazioni paramilitari. Gajdos ha detto questo in seguito a una denuncia depositata all’ufficio del Procuratore generale nel mese di luglio nella quale si chiede un controllo approfondito delle attività dell’organizzazione Slovenski branci (Reclute slovacche), che si ritiene coinvolta con alcuni suoi membri anche nei combattimenti in Ucraina orientale, dalla parte dei ribelli filorussi. Allora il ministro disse che è inaccettabile che i membri di questa ‘associazione’ e di altre organizzazioni simili indossino uniformi delle forze armate, gradi militari e insegne e simboli «che sono caratteristici delle nostre forze armate».

Secondo una proposta legislativa preparata dal ministero, le nuove uniformi e gli equipaggiamenti militari dovranno essere identificati con una etichetta che riporta una scritta del tipo “Fatto per le Forze armate slovacche”, e il loro uso sarà vietato a chiunque non sia un militare delle Forze armate in servizio attivo o un soldato delle riserve.

(Red)


Foto fonte mosr.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.