Partiti politici: approvate nuove soglie minime per partecipare alle elezioni

Il governo ha approvato nella seduta di mercoledì una proposta di emendamento alla legge sui partiti politici che intende fissare soglie minime nel numero di membri per l’esistenza dei partiti politici. I parlamentari della coalizione hanno concordato sulla proposta del Partito nazionale slovacco (SNS) che stabilisce un minimo di almeno nove memberi per l’organo esecutivo di un partito politico. Ogni partito potrà poi partecipare alle elezioni parlamentari nazionali e a quelle per il Parlamento europeo soltanto se rispetterà un numero minimo di iscritti o di membri nel loro organo assembleare (il congresso, in altre parole).

Con la legislazione approvata dal consiglio dei ministri sarà illegale la compravendita di partiti politici, cosa che in passato ha provocato numerose critiche. Inoltre, blocca le modifiche al nome di entità politiche e impedisce l’adeguamento delle norme relative alla gestione delle donazioni finanziarie. La proposta di legge non dovrebbe, secondo gli autori, influenzare in alcun modo la fondazione di nuovi partiti politici e non fissa alcun minimo di membri per la creazione di formazioni politiche.

Il documento inoltre si occupa dei requisiti necessari nella compilazione delle liste elettorali per il Parlamento slovacco e il Parlamento europeo. Le liste dovrebbero includere l’elenco dei membri dell’assemblea del partito, che dovrà avere almeno 45 membri, o i nomi di non meno del doppio di iscritti rispetto al numero dei candidati espressi nella lista elettorale.

Inoltre, i partiti dovranno comunicare i prestiti finanziari di cui godono, una norma che si aggiunge all’obbligo già esistente di informazione sulle donazioni ricevute.

Il disegno di legge è contestato dai partiti di opposizione. SaS e Sme Rodina affermano che la partecipazione di un partito politico alle elezioni dovrebbe essere condizionata dal sostegno degli elettori, piuttosto che dal numero dei suoi membri. Anche OLaNO, che ha 13 membri, critica il documento, che è disposto a sostenere soltanto se verranno accolte diverse proposte di modifica, ad esempio obbligando i partiti a pubblicare su Internet  tutti i loro contratti (come avviene per la pubblica amministrazione) e un elenco di tutti i membri, oltre a rendere disponibile al pubblico un conto bancario trasparente che mostri tutte le transazioni finanziarie.

(Red)

Foto nrsr.sk

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.