Diecimila ucraini lavorano in Slovacchia, ma aumenteranno presto

Secondo l’ambasciatore ucraino a Bratislava sono numerose le società ucraine che hanno spostato la sede in Slovacchia, soprattutto imprese edili e produttori di bevande alcoliche e non. Queste ultime in particolare per beneficiare dei vantaggi di una produzione made in UE che ha un accesso facilitato a tutti i mercati dell’Unione europea.

Il capo della missione diplomatica ucraina in Slovacchia, Yuriy Mushka, ha detto a Tasr che a luglio erano più di 10.000 i cittadini ucraini che lavoravano in Slovacchia con permessi permanenti o temporanei di lavoro. Si tratta per lo più di persone impiegate nel settore edile, nella sanità, nelle professioni legali e nei trasporti, che in prevalenza cercano lavoro nella Slovacchia orientale. In futuro, tuttavia, questo numero è destinato a crescere, perché sempre più ucraini sono interessati a migrare, attirati dalle richieste di manodopera e dalle opportunità nei vicini paesi dell’UE e a causa delle difficoltà del mercato del lavoro in patria.

L’Ucraina sta soffrendo di una mancanza di forza lavoro e dei problemi sociali connessi. Il diplomatico ha affermato che circa 1 milione di ucraini lasciano il paese ogni anno per lavorare all’estero, un trend che nel giro di pochi anni potrebbe creare seri problemi al Paese, perché non ci sarà più nessuno disposto a lavorare in Ucraina. Le comunità più numerose di lavoratori ucraini nei paesi dell’UE sono in Polonia e nella Repubblica Ceca, meno in Ungheria, Italia, Spagna e Portogallo. Molti lavorano anche nelle regioni siberiane della Federazione Russa, dove sono occupati nella locale industria petrolifera.

Da qualche mese è in vigore in Slovacchia una legge che permette maggiore flessibilità alle aziende che non trovano lavoratori per specifiche mansioni. Con il nuovo regolamento possono assumere stranieri non UE con più facilità rispetto al passato, sempre che si tratti di particolari ruoli professionali stabiliti dal ministero del Lavoro.

(Red)

Foto MichaelGaida CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.