Ministro: i dazi Usa sulle auto dall’UE sarebbero una calamità

Richiesto di un commento sulla minaccia del presidente Donald Trump di imporre dazi del 25% sull’importazione negli Stati Uniti di automobili dall’Unione europea, il ministro slovacco dell’Economia Peter Ziga (Smer-SD) ha detto che sarebbe un passo sventurato. Rispondento ai giornalisti dopo la riunione del governo di ieri, Ziga ha detto che se dovesse accadere «non sarà una buona notizia per il commercio mondiale»,  e «anche per il commercio americano perché mi aspetto che l’UE varerà delle misure di ritorsione». Si tratta di una spirale che non porterà nulla di positivo per nessuno, ha ribadito Ziga, dicendosi favorevole «a ciò che è già stato concordato: zero dazi».

Per il momento, comunque, si tratta solo di dichiarazioni, secondo il ministro, che possono essere inquadrate nella campagna elettorale per il voto di mid-term che si terrà negli Usa questo autunno. L’amministrazione statunitense non ha ancora dato una sua posizione ufficiale, dunque è meglio attendere per vedere come si sviluppano i fatti, allora «forniremo dichiarazioni insieme agli altri paesi dell’UE», ha detto Ziga ricordando che la questione toccherà l’intera Europa.

L’Istituto di politica finanziaria (IFP) del ministero delle Finanze avrebbe calcolato un potenziale impatto sul PIL slovacco di tale misura, e il danno viene stimato in una perdita tra lo 0,1 e lo 0,2% del PIL annuale. Nell’industria slovacca il settore automobilistico è preponderante, ed è la prima fonte di esportazione del paese.

(Red)

Foto: impianto VW a Bratislava
(audi.com)

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.