Autorità alimentare: problemi in quasi il 10% dei controlli

Nei primi sei mesi del 2018 sono state eseguite 25 mila ispezioni alimentari da parte del personale dell’Autorità veterinaria e alimentare slovacca (SVPS), e in 2.363 casi (il 9,4%) si sono rilevate carenze che hanno portato ad ammende oltre 3 milioni di euro. Ad informarne i media è stata la ministra dell’Agricoltura Gabriela Matecna (SNS) in una conferenza stampa insieme al direttore di SVPS Jozef Bires. Nella maggioranza dei casi, i difetti sono stati trovati in partite di frutta e verdura, in particolare mele, peperoni, pomodori, uva, cavoli e verza. Inoltre, sono stati trovati batteri DI salmonella in uova e carni di pollame separate meccanicamente.

Dai dati rilevati dal ministero, risulta che la popolarità del cibo slovacco è aumentata, e diverse aziende stanno speculando per approfittare della situazione. Per questo sono state aumentate le ispezioni incentrate sul tracciamento dell’origine di frutta e verdura fresca, un campo in cui sono state rilevate gravi casi di condotta scorretta, con l’origine delle merci nascosta o falsificata, in particolare su carote e prezzemolo provenienti da Polonia e Paesi Bassi e pomodori da Spagna, Italia e Turchia. Prodotti di cui è stata vietata l’ulteriore distribuzione ai punti vendita e che saranno oggetto di provvedimenti amministrativi che potranno sfociare in multe fino a 100.000 euro.

Sulla questione è intervenuta la Camera agricola ed alimentare slovacca (SPPK), che dice di sostenere pienamente le misure adottate dal ministero per combattere gli autori delle contraffazioni dell’origine dei prodotti. «L’origine del cibo ha un forte valore informativo e conferisce al prodotto una sua unicità e qualità, sottolineandone la specificità tradizionale regionale. Ogni deliberata ma anche non intenzionale falsificazione dell’origine alimentare danneggia la reputazione dei produttori alimentari nazionali, induce in errore il cliente e aumenta il rischio che il cibo slovacco finisca oggetto di scandali alimentari», ha sottolineato il portavoce di SPPK.

(Red)

Foto Pictoscribe cc-by-nc-nd

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.