Hyperloop: finito l’entusiasmo, la Slovacchia si disinteressa

Il memorandum firmato nel 2016 dal governo slovacco con la società statunitense Hyperloop Transportation Technologies (HTT) è scaduto, e l’attuale esecutivo sembra non avere intenzione di rinnovare la cooperazione per un progetto di treno ad altissima velocità sulla cui fattibilità ha oggi seri dubbi. A comunicare le intenzioni del governo, secondo il quotidiano Denník N, è stato il vice primo ministro per l’Informatizzazione e gli Investimenti Richard Raši.

Il sistema di trasporto innovativo pensato da Elon Musk, che prevederebbe di far viaggiare delle capsule per passeggeri su un cuscino d’aria all’interno di un tubo pressurizzato a velocità che possono arrivare fino a 1.200 km / h, avrebbe dovuto collegare Bratislava e Vienna in appena 8 minuti. Per arrivare al memorandum – firmato dall’allora ministro dell’Economia Vazil Hudak nel marzo 2016, tre mesi prima delle elezioni, e con un governo monocolore Smer-SD – la società americana aveva presentato uno studio di fattibilità. Secondo l’ufficio di Raši si trattava di una presentazione con una potenziale visualizzazione del ‘treno’ che però rimaneva piuttosto sul vago e non dava risposte a molte domande provenienti dal mondo scientifico. Nelle scorse settimane HTT diceva, secondo quanto riporta il sito specializzato Živé.sk, che essendo cambiata la composizione della scena politica slovacca (e dell’esecutivo che oggi è una coalizione di tre partiti), aveva deciso di presentare un progetto più dettagliato di ricerca scientifica, per il quale è in attesa di risposta formale dal governo.

Al progetto avrebbe dovuto aggiungersi la Repubblica Ceca, la cui città di Brno aveva parimenti firmato un protocollo di intesa con la società HTT, e anche Budapest era nel mirino. Nel frattempo altri paesi hanno mostrato interesse all’idea rivoluzionaria di trasporto veloce, e HTT ha aperto sedi in diverse città del mondo. Tra le ragioni addotte da Dick Ahlborn, ceo di HTT, per il ritardo dello sviluppo del progetto slovaccco c’è la constatazione della difficoltà di trovare il terreno adatto sul quale costruire il tubo, che va sospeso su piloni come un lunghissimo viadotto. L’ufficio del governo che segue la questione ha detto anche che HTT ha cambiato più volte il piano di investimento e gli obblighi dovuti dalla parte slovacca.

Nel frattempo, la società americana dice che la realizzazione della prima capsula passeggeri dovrebbe essere ormai pronta, e si stanno allestendo i primi circuiti di prova a Tolosa, in Francia e a Guizhou, in Cina.

(Red)

Foto mhsr.sk
Foto hyperlooptransp.com

Articoli più letti

1 Trackback / Pingback

  1. Hyperloop: quali sono i pro e contro | Metadimensione

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.