Brevi note sulle diseguaglianze

C’è un nesso tra diseguaglianze economiche e libertà civili, e a quanto scrive Cole in un recente saggio su cento Paesi, ciò produce rischi per le democrazie dove il gap di rappresentanza spinge verso la destra populista.

Esiste una correlazione tra disuguaglianze economiche e squilibri nella distribuzione del potere politico? E, qualora questa correlazione fosse suffragata da una convincente serie di dati, in che modo disuguaglianze economiche e asimmetrie di potere influenzano la democrazia? Queste domande, affrontate in un recente e importante saggio del sociologo statunitense Wade M Cole,1 sono questioni ricorrenti nelle scienze sociali.

Politologi, sociologi, economisti e antropologi hanno provato a spiegare, nel tempo, in che modo la disuguaglianza nella distribuzione della ricchezza influenzi negativamente la capacità dei gruppi e delle classi sociali subalterne – per usare una formula gramsciana – di influenzare il sistema politico-istituzionale nel suo complesso.

In altre parole, se pure formalmente i cittadini hanno uguali diritti sociali e politici, di fatto la distribuzione delle risorse a favore dei ceti più abbienti inibisce sostanzialmente la partecipazione dei gruppi subalterni, e/o la loro capacità di articolare e imporre la propria agenda politica.

Relativamente alla questione disuguaglianze economiche, peraltro, nell’era neoliberale, caratterizzata da una restrizione degli spazi di democrazia rappresentativa, processi di centralizzazione del potere,2 e crisi della forma partito, le disuguaglianze nella distribuzione del potere hanno raggiunto livelli senza precedenti – come dimostrato, tra gli altri, da recenti lavori di Thomas Piketty e Branko Milanovic.

Il saggio di Cole offre, dunque, dati di grande rilievo sulla relazione tra ricchezza e distribuzione del potere, analizzando questo rapporto su un campione di più di cento paesi (133 e 136, per la precisione, in due samples diversi) dal 1981 al 2011, quindi nel cuore dell’era neoliberale.3 I dati raccolti toccano i due poli della ricchezza4 e del potere5 – e la loro correlazione.

La dimensione del potere è descritta da due variabili (dipendenti): la distribuzione del potere a seconda della posizione socioeconomica, e il godimento di libertà civili a seconda della posizione socioeconomica. 

 […]

Continua su Sbilanciamoci.info

Foto Sergio cc by nc sa

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.