100° anniversario della Cecoslovacchia: i presidenti Kiska e Zeman lo celebrano in treno

Il presidente slovacco Andrej Kiska e il suo omologo ceco Miloš Zeman hanno fatto insieme un viaggio commemorativo su un treno d’epoca per celebrare i cento anni della fondazione della Repubblica Cacoslovacca e anche il primo capo stato, Tomáš Garrigue Masaryk. Il viaggio simbolico è iniziato domenica mattina dalla cittadina di Hodonín, nella Moravia meridionale, luogo natale di Masaryk, dove i due presidenti hanno posato ghirlande al memoriale del fondatore della Cecoslovacchia. La data non è stata scelta a caso: proprio 95 anni prima, il 23 luglio 1923, Masaryk si recò per la prima volta in vacanza al castello di Topoľčianky.

Il convoglio ha poi attraversato il confine slovacco verso la città di Topoľčianky, nella regione di Nitra, dove si trova il locale castello, residenza estiva dei presidenti cecoslovacchi e luogo d’elezione per i periodi di riposo di Masaryk tra il 1923 e il 1933. Qui egli ricevette numerose visite diplomatiche e membri del governo, incluso il primo ministro. La residenza fu poi usata anche dai presidenti successivi fino al 1951.

Migliaia di persone erano radunate lungo i binari per osservare il treno a vapore, che includeva la carrozza Aza 080 realizzata nel 1930 appositamente per gli spostamenti del presidente Masaryk, mentre attraversava le zone rurali della Moravia meridionale e della Slovacchia occidentale. Quella carrozza, ricorda Radio Praha, è stata salvata a fatica dalla rottamazione nel 1969, quando tutto ciò che aveva a che fare con la “prima borghesia” repubblicana cecoslovacca era giudicato deprecabile e inopportuno dal regime comunista. Il 73enne presidente Zeman ha detto dopo le quattro ore di viaggio – e 200 chilometri – «Ho fatto un respiro profondo e ho inspirato il fumo della locomotiva, e ho ricordato la mia giovinezza».

Arrivati a Topoľčianky, Kiska e Zeman hanno partecipato a una fiera organizzata nello stile del primo Novecento, hanno fatto una visita alla locale Scuderia nazionale (Národný žrebčín Topoľčianky),  fondata dal governo cecoslovacco nel 1921 ed una tra le più grandi d’Europa con circa 500 esemplari di cinque razze allevate di cavalli purosangue, tra cui i famosi Lipizzani. E infine sono giunti al castello, dove dopo avere posato corone alla statua di Masaryk hanno firmato documenti commemorativi per il 100° anniversario e fatto una visita alle sale storiche della residenza.

Andrej Kiska ha ringraziato per la loro opera «i fondatori della Cecoslovacchia, della moderna Cechia e della moderna Slovacchia», ricordando che «La Cecoslovacchia è nata cento anni fa. Se così non fosse, la Slovacchia come la conosciamo oggi non esisterebbe. Cento anni fa, i fondatori della Cecoslovacchia, Masaryk e Štefánik, hanno completato i loro sforzi affinché i cechi e gli slovacchi avessero il loro territorio e la loro sovranità. E esattamente 95 anni fa, il presidente Masaryk arrivò a Topoľčianky per iniziare una bella tradizione di trascorrere un mese o due qui in Slovacchia e governare lo stato cecoslovacco da qui».

Il presidente ceco Zeman ha detto di aver invitato Kiska a una cerimonia che si svolgerà il 28 ottobre al Castello di Praga, nel giorno del 100° anniversario della dichiarazione di fondazione della Cecoslovacchia. Zeman ha poi ricordato che sono previsti altri quattro incontri bilaterali fra i due capi di Stato per ricordare la ricorrenza centenaria: «al summit del Gruppo di Visegrad a Strbske Pleso, in Slovacchia, e poi al castello di Praga e nella città di Martin, ma a condizione che il leader del partito di estrema destra slovacco LSNS, Marian Kotleba, non sia presente». L’incontro finale si terrà presso il castello di Lany nella prossima primavera, a conclusione del mandato di Kiska da capo dello Stato di Kiska.

 

Foto prezident.sk
Tumi 1983 cc by sa, EU2016-SK 

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.