Il lato oscuro dell’aria condizionata

Ricorrere all’aria condizionata in estate è ormai un’abitudine talmente consolidata che si dà per scontata. Ma forse in pochi conoscono l’impatto che ha sui cambiamenti climatici. A fare chiarezza è uno studio pubblicato da PLOS Medicine.

In estate più o meno tutti saremmo concordi nell’attribuire a chi ha inventato l’aria condizionata il premio Nobel, eppure i ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison non sono dello stesso avviso. Secondo uno studio da loro pubblicato sulla rivista Public Library of Science (PLOS) Medicine, infatti, l’aumento dell’utilizzo di questo rinfrescante macchinario – legato all’innalzarsi delle temperature dovuto ai cambiamenti climatici – potrebbe aggiungere un ulteriore problema al riscaldamento del pianeta: il peggioramento della qualità dell’aria, da aggiungersi all’inquinamento che già causiamo. Insomma, non una buona notizia per la nostra salute.
La previsione degli scienziati è che – solo negli Stati Uniti orientali – ogni anno ci sarà un migliaio di morti in più per gli elevati livelli di inquinamento causati dall’incremento nell’utilizzo di combustibili fossili per rinfrescare case e ambienti di lavoro.

L’analisi degli scienziati combina le proiezioni provenienti da cinque diversi modelli per prevedere l’aumento nell’uso di energia in un mondo più caldo e come questo potrebbe incidere sul consumo di corrente proveniente da fonti fossili, sulla qualità dell’aria, sulla salute umana nei prossimi decenni. A causa dei cambiamenti climatici le ondate di calore tenderanno a intensificarsi in frequenza e intensità, e secondo Jonathan Patz, primo autore dello studio e professore di scienze ambientali e della salute alla UW-Madison, è innegabile che l’aria condizionata salvi e continui a salvare delle vite.
Se, però, la potenza che impieghiamo per produrla proviene dai combustibili fossili, rischiamo di infilarci in un circolo vizioso: più aumentano le ondate di calore, maggiore sarà la richiesta di aria condizionata, e quindi di elettricità. Ma se l’elettricità viene prodotta con gli stessi mezzi che inquinano e fanno alzare le temperature sul Pianeta…

Gli edifici sono responsabili di oltre il 60% del consumo energetico negli Stati Uniti orientali, e l’aria condizionata ne è una componente significativa.
Lo studio stima 13000 morti aggiuntive ogni anno causate dai livelli più alti di polveri sottili in estate e 3000 provocate dalla presenza di ozono a livello del terreno (entrambi sottoprodotti della combustione delle fonti fossili) nella parte orientale degli Stati Uniti entro la metà del secolo.

La maggior parte di queste saranno attribuibili a processi naturali legati alla chimica atmosferica e a emissioni non provocate dall’uomo, che vengono influenzate dall’aumento di temperatura. Ma circa 1 000 di queste saranno proprio legate all’utilizzo di aria condizionata, se l’energia che sfrutta proviene da combustibili fossili. I risultati della ricerca sottolineano quanto ci sia bisogno di fonti di energia più sostenibile, come quella eolica e solare, e che è necessario impiegare condizionatori più efficienti sotto il profilo energetico. Si tratta di problemi che siamo in grado di controllare, e che ci possono aiutare a contrastare sia i cambiamenti climatici, sia l’inquinamento. In caso contrario, peggioreranno entrambi…

(Giulia Negri, Il Cambiamento cc by nc nd)

Foto pixabay CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.