L’Europa produce 50 milioni di tonnellate di plastica all’anno. Ne ricicla il 7%

La produzione di plastica in Europa è 50 volte superiore rispetto a 50 anni fa , e le previsioni parlano di un’ulteriore crescita nel prossimo futuro. Ad oggi, si tratta nel solo vecchio continente di oltre 50 milioni di tonnellate all’anno, di cui il 93% ancora provenienti da materia vergine ricavata da combustibili di origine fossile. Una assurdità, soprattutto se si pensa che solo il 7% della plastica viene riciclata, e che quella a cui viene data nuova vita deve essere esportata in Paesi come la Cina, perché da noi manca la domanda.

È un’emergenza che non ha confini. Riguarda le terre ma soprattutto i mari, in cui finiscono 700 chili di plastica al secondo. Un quantitativo enorme, osceno, in aumento e in gran parte invisibile. Infatti, non si tratta solo di sacchetti, bottiglie e altri oggetti facilmente identificabili, ma anche e soprattuttodi microplastiche, particelle più piccole di un millimetro (a volte anche di dimensioni micrometriche) contenute in dentifrici, shampoo, detersivi e in gran parte dei capi d’abbigliamento oggi in uso.

Secondo i calcoli, circa il 10 percento delle microplastiche che finiscono negli oceani provengono dalle nostre lavatrici. Sono ormai pochi gli indumenti che non contengono materiali sintetici, e ogni volta che li laviamo finiscono nelle acque di scarico. Queste micro-particelle plastiche, ormai entrate nella nostra catena alimentare, provengono anche dall’usura degli pneumatici, con le piogge che portano il pulviscolo delle gomme fino ai mari, dal deterioramento delle vernici e dall’uso di numerosi tipi di prodotti cosmetici.
[…] Continua su La Stampa


Foto Hochgeladen von Vberger CC0

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.