Kiska: gli alleati al vertice NATO hanno confermato il desiderio di unità e solidarietà

Alla testa della delegazione slovacca che ha partecipato a Bruxelles al vertice NATO dei giorni scorsi, il presidente Andrej Kiska ha dichiarato che la Slovacchia è pronta a raggiungere il 2% del PIL di spesa per le forze armate, come richiesto dal presidente Usa Donald Trump. Non è tuttavia un traguardo immediato, ha sottolineato, e «anche se è un dovere, è una corsa a lunga distanza».

Kiska ha affermato di aver detto a Trump che se i leader dei paesi membri avessero immediatamente messo in atto la regola del 2% prevista dal trattato, molto probabilmente avrebbero perso le loro poltrone e li avrebbero sostituiti dei politici populisti anti-NATO. Dobbiamo lavorare di più insieme e spiegare alla gente che questo è un nostro dovere, ha detto Kiska. In Slovacchia comunque, ha obiettato, vi è un ampio consenso sull’impegno dello stato ad aumentare la spesa per la difesa al 2% del PIL entro il 2024, una idea sostenuta sia dal governo che dall’opposizione, con l’eccezione degli “estremisti e fascisti”.

Kiska ha ricordato che quando è stato eletto, quattro anni fa, il budget di spesa della Slovacchia per la difesa era poco sotto l’1% del PIL. Nel 2020 tale percentuale sarà dell’1,6% e arriveremo al 2% nel 2024.

(Red)

Foto FB/AndrejKiska

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.