Governo: approvati aiuti gli investimenti per 30 milioni a sette aziende

Il governo ha approvato oggi aiuti agli investimenti per quasi 30 milioni di euro complessivi a sette aziende che dovrebbero creare 1.272 nuovi posti di lavoro con una spesa per investimenti pari a circa 125 milioni di euro. Quattro di questi investimenti, sottolinea il ministero dell’Economia che ha preparato le proposte di sostegno, sono diretti ad aree a basso sviluppo economico. A Mubea Automotive Slovakia, che ha avviato la costruzione del suo stabilimento a Kezmarok due settimane fa, andrà una sovvenzione del valore di 14,95 milioni di euro (la maggior parte sotto forma di sconto fiscale). La società svizzera prevede di investire oltre 50 milioni di euro in cinque anni per produrre componenti per auto a partire dalla prima metà del 2019. A regime, il progetto dovrebbe dare lavoro a 504 persone, di cui 115 all’interno di centri di progettazione e di parti di ricambio, in un’area geografica che ha un livello disoccupazionale quasi tre volte la media nazionale.

Un contributo superiore a 8 milioni di euro (principalmente in concessioni fiscali) è destinato alla società Brose Prievidza che intende espandere il suo impianto nel parco industriale di Prievidza (regione di Trencin). L’azienda tedesca, che produce forniture per l’industria dell’auto, e che ha già ricevuto nel 2016 aiuti di Stato per l’apertura del suo stabilimento, dovrebbe assumere 350 nuovi lavoratori (100 dei quali nel settore ricerca e sviluppo) con una spesa per l’investimento di 57,4 milioni spalmata tra il 2017 e il 2021.

Ancora, il documento preparato dal ministero dell’Economia e approvato dal governo prevede sostegno agli investimenti per l’austriaca Neuman Aluminium PWG, società fornitrice di componenti per automobili che intende costruire uno stabilimento a Žarnovica, cittadina nella regione di Banská Bystrica, che otterrà 3,89 milioni di euro contro costi di investimento ammissibili per 11,5 milioni, per la creazione di 215 nuovi posti di lavoro entro la fine del 2019.

Adient Slovakia (ex Johsons Controls) riceverà 1,15 milioni di sovvenzione per l’allargamento della fabbrica a Lučenec, dove ha investito 3,5 milioni per la produzione e l’assemblaggio di parti di schiuma per l’industria automobilistica. La società garantisce  la creazione di 105 nuovi posti di lavoro entro la fine del 2019.

Un contributo di 817 mila euro va alla società Vigour SK di Bratislava, per la costruzione di un nuovo centro di servizi strategici a Prešov che ha un costo totale di 3,66 milioni di euro. Il piano di investimenti dell’azienda prevede entro la fine del 2018 la creazione di 75 nuovi posti di lavoro.

La società EMI-Sabinov, che produce tessile e abbigliamento, riceverà 300 mila euro per l’espansione della produzione a Sabinov e la creazione di 13 nuovi posti di lavoro. Infine, la ditta Memolak di Lučenec sarà beneficiaria di un aiuto agli investimenti di 230 mila euro per un nuovo impianto produttivo che prevede la creazione di 10 nuovi posti di lavoro entro la fine del 2019.

(Red)

Foto GotCredit cc by

Articoli più letti

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.